Solidarietà: un fiorentino accoglie in casa una famiglia indiana

Grazie a Auser Abitare Solidale

Giuseppe Agostinie la famiglia Pappu

La famiglia Pappu è una famiglia indiana composta da 6 persone: moglie, marito e quattro figli. Dopo la perdita del lavoro del capofamiglia Kumar e lo sfratto dalla propria abitazione, il nucleo è dovuto ricorrere a sistemazioni di emergenza ed è andato a vivere in una struttura d’accoglienza.

La signora Paramijit e i figli sono andati in una struttura per madri e figli minorenni, dove il signor Kumar non poteva essere ospitato, così la famiglia ha vissuto separata per lungo tempo. Kumar è poi riuscito a ritrovare un lavoro a tempo indeterminato, mentre la moglie, grazie al servizio sociale del Comune di Firenze e all'associazione 'Le Curandaie', ha messo a profitto le sue capacità di sarta.

Mancava però la casa e sembrava impossibile trovarla. Da un lato, i prezzi troppo alti, dall'altro la reticenza ad affittare a stranieri, tanto più se numerosi, da parte di molti proprietari immobiliari italiani.

Fino a quando in loro soccorso non è arrivata l'associazione Auser Abitare Solidale e, soprattutto, Giuseppe Agostini, un signore fiorentino che ha deciso di mettere a disposizione la propria casa, libera dopo il decesso della madre, affittandola a metà prezzo alla famiglia indiana. 

Si tratta di  una casa di fine Ottocento di oltre 100 metri quadrati in zona Campo di Marte che è stata affittata a circa 700 euro al mese. Giuseppe ha praticamente rinunciato ad almeno 600 euro in più sicure al mese pur di aderire al progetto 'Abitare Solidale'. In questo modo, la famiglia Pappu è potuta uscire da una situazione di precarietà e sistemarsi in una normale casa in affitto. Ma c'è di più: oggi il signor Agostini e i suoi inquilini sono diventati amici. 

Buona parte del merito della contrattazione è stato di Auser Abitare Solidale, l'associazione fiorentina che da oltre 10 anni, prima in Italia, promuove modelli innovativi di abitare condiviso e collaborativo in risposta alla fragilità alloggiativa.

Il signor Agostini si era rivolto all'associazione in passato per offrire ospitalità ad una persona in casa dell'anziana madre che viveva sola nella sua casa. Ma dopo l'incontro conoscitivo con gli operatori di 'Abitare Solidale', l'anziana è venuta a mancare e l'appartamento della signora è rimasto così vuoto.

Giuseppe ha deciso di affidarsi nuovamente ad 'Abitare Solidale' che, in base ai principi e alle garanzie del progetto LabHouse, gli ha proposto di affittare l'appartamento a persone in difficoltà alloggiativa, ma in grado di pagare un affitto, calmierato, con l'obiettivo di favorire la strada verso la ripresa della propria autonomia. E così è arrivato l'incontro con la famiglia Pappu e una nuova prospettiva di vita per tutti.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La storia di Giuseppe e della famiglia Pappu - ha detto Gabriele Danesi, coordinatore di Auser Abitare Solidale - ci dimostra come sia possibile pensare a un modo diverso di gestire l'affitto, che non sia inteso soltanto da un punto di vista economico e commerciale, ma anche con un forte significato sociale. Ecco perché, come Auser Abitare Solidale cerchiamo di incentivare i proprietari immobiliari a concedere con affitti certi, concordati e calmierati le loro case, che altrimenti rimarrebbero vuote. E che con noi, invece, possono assumere un grande valore. Il risultato di questa operazione è stato il frutto di un lavoro sinergico e di rete che ha visto la forte collaborazione del servizio sociale e della nuova realtà associativa fiorentina 'Le curandaie'”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Caldo torrido su Firenze: tre giorni di allerta meteo

  • Incendio in fabbrica a Mantignano: colonna di fumo sulla città / FOTO

  • I turisti non tornano, i residenti se ne vanno: Firenze è sempre più vuota

  • Coronavirus: 217 in quarantena per l'ultimo focolaio

  • Coronavirus: impennata di nuovi casi, cluster di giovani

  • Caffè Rivoire, nuovo proprietario: "Ne farò un brand internazionale da esportare nei luxury mall"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento