rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca Sesto Fiorentino

Inceneritore, De Magistris a Sesto: "Lotta dura, ma si può fermare"

Il sindaco di Napoli ospite dell'incontro de 'La Piana contro le nocività': "A Napoli ci siamo riusciti, servono riduzione dei rifiuti, differenziata e compostaggio"

"E' una battaglia lunga, ma discariche e inceneritori possono essere fermati: a Napoli l'abbiamo vinta". Sono le parole di Luigi De Magistris, sindaco del capoluogo campano, ieri a Sesto Fiorentino all'incontro organizzato da 'La piana contro le nocività', alla presenza di circa 200 persone.

L'incontro è stato organizzato dai comitati e dalle associazioni che si battono contro l'inceneritore e contro l'ampliamento dell'aeroporto. "Bisogna puntare su politiche ambientali alternative: compostaggio, differenziata, riduzione dei consumi. Serve una lotta di popolo, a Napoli è stata una rivoluzione", ha proseguito De Magistris. "Serve anche una lotta sul piano istituzionale. In Campania abbiamo convinto De Luca (il presidente della Regione, ndr) a stralciare il piano per gli inceneritori e a finanziarci gli impianti di compostaggio".

Dopo la manifestazione del maggio scorso, che a Firenze portò in piazza oltre 10mila persone contro l'inceneritore di Case Passerini, nelle elezioni di giugno a Sesto Fiorentino ha trionfato Lorenzo Falchi, apertamente contro l'impianto.

Il neo sindaco ha recentemente ufficializzato il no agli 800mila euro di finanziamenti collegati all'accettazione dell'opera. L'amministratore delegato di Quadrifoglio (la ditta incaricata di costruire l'inceneritore) ha reagito assicurando che dopo l'estate i lavori partiranno comunque.

FOTO - De Magistris a Sesto con i movimenti No Inceneritore

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inceneritore, De Magistris a Sesto: "Lotta dura, ma si può fermare"

FirenzeToday è in caricamento