Cronaca

'Piscinopoli', assolto l'assessore Vannucci

Per i giudici di primo grado "il fatto non sussiste". Assolti anche gli altri 5 imputati

Il tribunale di Firenze ha assolto l'assessore comunale Andrea Vannucci e altre 5 persone per il caso 'Piscinopoli', l'inchiesta della procura che ipotizzava i reati di falso e turbativa d'asta in relazione all'affidamento - dal 2013 al 2015 - di due piscine comunali fiorentine.

Sono stati assolti oltre a Vannucci, con la formula "perchè il fatto non sussiste", l'allora dirigente dell'assessorato allo sport Elena Toppino, i funzionari comunali Loris Corti e Jacopo Vicini, gli imprenditori Franco Bonciani e Cipriano Castellacci.

“Ho sempre avuto fiducia nel lavoro della magistratura, che ha appurato la verità dei fatti sgomberando ogni dubbio sull’operato dei miei attuali e precedenti collaboratori e dell’assessore Andrea Vannucci. Per loro provo grande gioia umana. Sinceramente non ho mai dubitato della loro onestà” dichiara il sindaco Dario Nardella, commentando il verdetto.

“Sono sereno, certo di aver sempre operato nel rispetto delle norme. Al processo emergerà la mia innocenza”, aveva sempre detto Vannucci, difeso dall'avvocato Pier Matteo Lucibello. Così è stato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Piscinopoli', assolto l'assessore Vannucci

FirenzeToday è in caricamento