rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Parcheggi: strisce blu gratis se non c'è il bancomat

In vigore dal 1° luglio la norma per il parchimetro. Grassi: "In molte zone non c'è, Comune spenga macchinette"

Chi ha preso dal 1° luglio 2016 o prenderà d'ora in poi una multa sulle strisce blu potrà impugnarla se il parchimetro non è dotato di Pos. E' infatti scattato l'obbligo imposto dalla legge di stabilità 2016 di consentire il pagamento ai dispositivi anche con bancomat o carte di credito. Se questo dispositivo non c'è, il cittadino è autorizzato a non pagare, e in caso di multa può presentare ricorso e vincerlo, se dimostrato il fatto. 

La nuova disposizione è entrata in vigore giustificando l'evenienza che un automobilista possa non essere o non in condizioni di entrare in possesso di monete per pagare il parcheggio. In mancanza dei dispositivi attrezzati gli automobilisti potranno dunque ritenersi autorizzati a parcheggiare gratis e senza il rischio di essere multati, a meno che i comuni non dimostrino, come prevede la legge di non aver potuto ottemperare all'obbligo per "oggettiva impossibilità tecnica".

Sulla questione è intervenuto il consigliere comunale di Sinistra italiana ed ex candidato sindaco Tommaso Grassi: "Ieri abbiamo girato video e scattato foto in diverse aree della città dove questo non è possibile - ha sottolineato - il Comune avrebbe quindi il dovere di spegnere le macchinette per la riscossione fino alla messa a norma e i cittadini alle prese con i parcheggi sulle strisce blu, potrebbero sentirsi legittimati a sostare gratuitamente. Piuttosto che ritrovarsi invasi da ricorsi, annunciati solo o effettivi - ha concluso - non sarebbe stato meglio se il Comune si fosse organizzati fin da subito per assicurare il servizio al cittadino come prescritto dalla normativa?".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggi: strisce blu gratis se non c'è il bancomat

FirenzeToday è in caricamento