Trekking: mamma e figlio senza acqua sul Cimone

Un tecnico del Soccorso Alpino ha chiesto l'intervento dei rinforzi

Ieri pomeriggio madre e figlio, residenti a Fucecchio, sono arrivati sul Cimone per fare una gita. Lasciata la macchina a Lago Santo sono partiti verso il Lago del Turchino, percorrendo il sentiero Cai 519 che poi prosegue fino alla foce Giovo. Al ritorno il bambino ha iniziato ad essere molto stanco, faceva fatica a camminare e spesso si fermava per riposare. In zona si trovava un tecnico del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) che era andato a fare un sopralluogo e anche lui stava scendendo verso il Lago Santo quando ha incontrato la famiglia.

Il dodicenne era visibilmente stanco e disidratato. La madre ha spiegato al tecnico che il bambino era molto provato e lei aveva finito l’acqua. Il tecnico, valutato che per arrivare alla macchina ci voleva ancora un'ora abbondante, ha deciso di attivare la squadra del Soccorso Alpino. Giunti sul posto i tecnici hanno fatto bere il bambino e la mamma e, dopo averli caricati sul fuoristrada, li hanno accompagnati al parcheggio del Lago Santo. Il Soccorso Alpino ricorda "che in quella zona non c’è linea telefonica, la situazione poteva diventare molto più critica".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento