Maltrattamenti: marito geloso picchia la moglie, arrestato

Sono intervenuti i carabinieri

Foto di repertorio

I carabinieri della stazione di Peretola hanno arrestato ieri sera M.U., 54enne di origini napoletane, residente a Firenze, impiegato, per maltrattamenti nei confronti della moglie.

In particolare, per motivi di gelosia, il marito stava seguendo da alcuni giorni la moglie e dopo averla vista scendere dall’autobus e averla notata parlare al telefono, si è avvicinato e, dopo averle strappato il cellulare di mano, ha iniziato ad aggredirla sia verbalmente che fisicamente, provocandole una tumefazione al polso destro, giudicata guaribile in giorni 10. Immediatamente sono intervenuti i carabinieri chiamati dalla vittima dell’aggessione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arrestato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della locale stazione in attesa del rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento