menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gucci si fa aiutare da Burioni e riapre il laboratorio di Firenze

Accordo sulla sicurezza, si riparte lunedì 20 con un numero ristretto di addetti

Da domani, lunedì 20 aprile, Gucci riaprirà il suo laboratorio di prototipi per pelletteria e calzature di Scandicci (Firenze). Ad annunciarlo è lo stesso marchio fiorentino dell'alta moda, sottolineando che la ripartenza avverrà "nella massima sicurezza per i dipendenti".

"La riapertura - si spiega in una nota - avviene sulla base delle disposizioni dello scorso 10 aprile e dopo un accordo appena raggiunto con i sindacati per rafforzare il protocollo di sicurezza dello scorso 15 marzo, grazie anche alla consulenza del virologo Roberto Burioni dell'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano"

La ripresa delle attività riguarderà un numero ristretto degli addetti della sede di ArtLab, il centro dedicato alla ricerca e sviluppo e alle attività di progettazione e realizzazione di prototipi e campioni per pelletteria e calzature Gucci.

"Dall'inizio di questa emergenza - ha spiegato Marco Bizzarri, presidente e ceo di Gucci - prima ancora che si parlasse ufficialmente di pandemia, la salute delle persone è stata al centro di tutte le decisioni che abbiamo preso. La salute di tutti noi era, è, e resterà sempre l'assoluta priorità".

"Dopo un'attenta riflessione - ha aggiunto - abbiamo preso la decisione di riaprire la prototipia di ArtLab, in accordo con le organizzazioni sindacali e garantendo il massimo livello di sicurezza e con tutte le precauzioni necessarie, definite con l'aiuto di scienziati di comprovata competenza. Questo ci permetterà di gettare le basi per una più ampia riapertura delle nostre sedi produttive e il riavvio della filiera del Made in Italy, quando consentito".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento