Cronaca

Gkn, l'arcivescovo Betori: "Una preghiera per i lavoratori durante la messa"

Il segnale della chiesa fiorentina: "Vicina a tutti coloro che vivono un momento particolarmente grave per l'occupazione"

Durante le celebrazioni odierne, su indicazione del cardinale Giuseppe Betori, in tutte le parrocchie fiorentine saranno lette due intenzioni di preghiera: una per Papa Francesco, da poco dimesso dal Policlinico Gemelli di Roma, e l'altra per i lavoratori della GKN di Campi Bisenzio che rischiano di perdere il posto di lavoro. 

L'Arcivescovo - spiega infatti l'Arcidiocesi in una nota - segue con attenzione e preoccupazione la vicenda dei dipendenti della GKN e delle loro famiglie, ha manifestato la sua preghiera e vicinanza, e poi nei giorni scorsi, a suo nome, si è recato in azienda don Giovanni Momigli, direttore dell'Ufficio dei problemi sociali e lavoro che ha incontrato alcuni lavoratori e rappresentanti sindacali. La Chiesa fiorentina è vicina a questi lavoratori e a tutti coloro che vivono un momento particolarmente grave per l'occupazione".

I testi delle preghiere

Per Papa Francesco: ti ringraziamo, Signore, per l’esito positivo dell’intervento chirurgico che ha subito nei giorni scorsi e ti chiediamo di sostenerlo in questo periodo di convalescenza; insieme a lui ti affidiamo tutti i malati ed i sofferenti: dona loro il tuo Spirito di consolazione perché sperimentino la grazia della tua presenza e la forza del tuo conforto, preghiamo.

Per gli operai della GKN di Campi Bisenzio e per tutti coloro che vedono messo a rischio il loro posto di lavoro: ti preghiamo, Signore, perché quanti hanno responsabilità nella vita economica e politica, ricordando queste parole di Papa Francesco: “non esiste peggiore povertà di quella che priva del lavoro e della dignità del lavoro” (Fratelli tutti, 162), operino sempre scelte per il bene comune, preghiamo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gkn, l'arcivescovo Betori: "Una preghiera per i lavoratori durante la messa"

FirenzeToday è in caricamento