Via Nazionale, sbaglia a usare il pin: aveva appena rubato il bancomat, arrestato

E' stato fermato dalla polizia

Ha provato più volte ad inserire il pin in un bancomat di via Nazionale, senza riuscire però a prelevare denaro.

L'atteggiamento dell'uomo ha insospettito alcuni agenti della polizia ferroviaria, che hanno quindi deciso di effettuare un controllo.

Così hanno scoperto che la carta utilizzata dall'uomo, risultato essere un 32enne originario della Romania, apparteneva ad un'altra persona.

Il 32enne è ritenuto responsabile del reato di indebito utilizzo di carte di credito e della ricettazione di diversa refurtiva rubata poco prima – i fatti risalgono al pomeriggio di sabato - ad un turista americano nei pressi di piazzale Montelungo.

Il furto era avvenuto al momento della discesa da un autobus di linea da parte della vittima, derubata dello zaino con all’interno una macchina fotografica, il portafogli contenente documenti personali e quattro carte di credito, più di 800 dollari e 50 euro in contanti.

Addosso al 32enne è stato trovato ulteriore denaro contante (tra cui anche 300 pesos messicani) e altre tre carte di credito di sospetta provenienza furtiva (poiché intestate a terze persone). Il 32enne è stato arrestato.

Il fermo dell'autore del furto in via Nazionale ha coincido con il preciso istante in cui il proprietario della carta di credito era negli uffici della Polfer di Santa Maria Novella a denunciare il furto del proprio zaino.

Il turista americano è tornato in possesso del maltolto ed è potuto così ripartire per la sua crociera in Italia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo morto nella sua auto: è il genero di Roberto Cavalli

  • Tramvia sovraffollata, la Cgil: “Situazione insostenibile"

  • Via Palazzuolo: completamente nuda semina il panico in strada

  • Aeroporto di Peretola: nuovi voli da Firenze grazie a Vueling

  • Un nuovo spazio verde a Firenze: ecco dove

  • Droga a Greve in Chianti: beccati con 16 spinelli, denuciata coppia

Torna su
FirenzeToday è in caricamento