Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Lastra a Signa chiude l'accesso ai camion in uscita dalla FiPiLi: superstrada a rischio paralisi

Ordinanza della sindaca Bagni in vigore dal 1° luglio: "Continui pesanti disagi e rischi per i cittadini"

Foto d'archivio

Troppi camion e tir, in corrispondenza di Lastra a Signa, lasciano la superstrada FiPiLi e percorrono la statale 67 per evitare il traffico e le code che praticamente quotidianamente si formano in quel tratto di strada, a causa dei lavori in corso. E così la sindaca di Lastra a Signa ha deciso: divieto di transito ai mezzi sopra le 18 tonnellate su quella strada, su un tratto di circa 3,5 chilometri. Di fatto, un divieto a lasciare la Fi Pi Li per tali mezzi, che non potrebbero proseguire - in entrambe le direzioni -, sulla statale.

Rimarranno tutti in superstrada dunque. Se Lastra a Signa tirerà un sospiro di sollievo, dall'altro lato probabilmente il traffico, le code e i momenti di paralisi in superstrada aumenteranno ancora di più, in una situazione che non riesce a trovare sbocchi (la proposta del presidente della Regione Giani di mettere la strada a pagamento per i tir, che usurano la strada in maniera molto maggiore rispetto alle auto, trova la forte opposizione della potente categoria degli autotrasportatori).

E così entrerà in vigore domani, giovedì 1° luglio, l’ordinanza annunciata dalla sindaca di Lastra a Signa Angela Bagni, che istituisce il divieto permanente di transito per tutti i veicoli con massa complessiva a pieno carico superiore a 18 tonnellate in via Livornese, cioè la statale 67, nel tratto compreso tra la rotonda posta all’intersezione tra via Livornese con via Santa Maria a Castagnolo e via Lungo Vingone (al km 70) e la fine del centro abitato di Porto di Mezzo (al km 65+680).

“Dopo anni in cui ho assistito a costanti e continui pesanti disagi dovuti a chiusure della Fi Pi Li, causate da lavori più o meno programmati o a incidenti, in conseguenza dei quali lunghe code di mezzi pesanti hanno attraversato via Livornese utilizzandola come percorso alternativo per oltrepassare la strada di grande comunicazione e così facendo paralizzando di fatto il territorio di Lastra a Signa (anche nelle ore notturne), ho deciso di prendere questo provvedimento. Tale problematica ha infatti più volte messo a rischio la sicurezza dei cittadini, oltre a danneggiare in maniera significativa e permanente le principali direttrici del nostro territorio, con ingenti investimenti in manutenzione stradale che sono costretta ogni anno a programmare”, dichiara la sindaca Bagni.

Nell’ordinanza si fa riferimento proprio al fatto che per le caratteristiche dei luoghi (Lastra a Signa ha tre importanti restringimenti della carreggiata ubicati nel centro del capoluogo, a Ponte a Signa e a Porto di Mezzo, in corrispondenza delle intersezioni semaforiche lì presenti in cui la circolazione è regolata da sensi unici alternati, poiché la larghezza della carreggiata non consente lo scambio dei veicoli) l’intenso traffico di veicoli pesanti, ha determinato nel tempo, e determinano oggi, lunghi incolonnamenti in prossimità delle intersezioni semaforiche, spesso sfociati nella totale paralisi del traffico, comportando gravi pericoli per la sicurezza personale in quanto è resa estremamente difficile la possibilità di accesso anche ai veicoli di soccorso (ambulanze, vigili del fuoco).

Inoltre  nel provvedimento è stato individuato il limite di 18 tonnellate "per consentire sia l’esercizio dell’attività imprenditoriale a una grande parte di imprese che per uniformare il divieto a quello già esistente sulla strada regionale 325 - via Ponte Nuovo, che collega i Comuni di Lastra a Signa e Signa e si innesta sulla via Livornese a Ponte a Signa.
Ricordiamo che la questione è stata portata anche all’attenzione della Prefettura di Firenze che ha convocato varie riunioni del Comitato Operativo per la Viabilità (COV), cui hanno preso parte tutti gli organi interessati e durante tali incontri sono state minuziosamente analizzate le implicazioni e l’impatto sulla circolazione di un provvedimento restrittivo", si legge in una nota diramata dal comune di Lastra a Signa

Anche in virtù delle valutazioni sopra enunciate l’ordinanza stabilisce alcune deroghe per categorie di soggetti che abbiano interessi nel territorio e la cui attività sia legata al territorio. Le deroghe riguardano: i veicoli che effettuano operazioni di carico e scarico delle merci presso attività site nel centro abitato capoluogo-Ponte a Signa – Porto di Mezzo, Malmantile-Quattrostrade e La Luna non raggiungibili se non attraverso la suddetta via Livornese.

E’ consentito inoltre il transito ai veicoli di proprietà o condotti da cittadini residenti nel centro abitato capoluogo-Ponte a Signa –Porto di Mezzo, Malmantile-Quattrostrade, La Luna che devono utilizzare la S.S. 67-via Livornese per il rientro alla propria residenza o la partenza da questa, come è consentito il transito ai veicoli adibiti al trasporto merci di aziende con sede operativa nell’abitato di Lastra a Signa, ai veicoli di soccorso e i veicoli delle Forze di polizia, delle forze armate e delle pubbliche amministrazioni, autobus per il trasporto pubblico di linea, urbani ed extraurbani, veicoli adibiti all’igiene urbana e raccolta rifiuti, mezzi che espletino altri servizi pubblici finalizzati a soddisfare esigenze collettive urgenti, mezzi per la fornitura, installazione e riparazione di acquedotti, gasdotti, distribuzione energia elettrica e telefonia, autocisterne adibite al trasporto di combustibili liquidi o gassosi, destinati alla distribuzione e al consumo, sia pubblico sia privato.

Tale divieto sarà "reso noto agli utenti della strada attraverso apposita segnaletica installata a cura della Città Metropolitana di Firenze sulla Strada di grande comunicazione FI-PI-LI, e precisamente prima dell’uscita per l’autostrada A1, prima dell’uscita di Scandicci e di Lastra a Signa sulla direttrice mare, prima dell’uscita Lastra a Signa in direzione Firenze, alle uscite della FI-PI-LI di Empoli Est e Montelupo Fiorentino nonché lungo la S.S. 67 all’intersezione con la S.P.12, in località Camaioni, in località La Lisca ed ai due estremi del tratto interdetto al traffico".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lastra a Signa chiude l'accesso ai camion in uscita dalla FiPiLi: superstrada a rischio paralisi

FirenzeToday è in caricamento