rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca viale Giannotti

Gavinana: chiude il centro d’arte contemporanea EX3 di viale Giannotti

L'associazione del centro d'arte contemporanea ha comunicato l'imminente chiusura. L'amministrazione già pronta a fare un nuovo bando per la gestione degli spazi

Il centro d’arte contemporanea di Gavinana, l’EX3, era stato inaugurato nell’ottobre del 2009 dal sindaco Renzi e adesso chiuderà. A riferirlo l'associazione che gestisce la struttura spiegando come il contributo dato dal Comune sia sufficiente a pagare l’affitto, al Comune stesso, e poco altro ancora. Per questo a poche settimane dalla scadenza della convenzione si è deciso di abbassare per sempre la saracinesca.

"Lo diciamo con grande amarezza - spiega Andrea Tanini, presidente di ExTre Toscana Contemporanea -, ma l'unica realtà affidata ad una associazione che opera nel contemporaneo a Firenze, inaugurata nemmeno tre anni fa dal sindaco Matteo Renzi, e che in poco tempo, con il riconoscimento di tanti qualificati operatori, è diventata un punto di riferimento nel panorama culturale cittadino, regionale e nazionale, è costretta a non rinnovare la convenzione del 7 luglio 2009 con il Comune. Negli ultimi mesi - aggiunge - l'associazione ha più volte discusso con il sindaco e con i dirigenti del Comune la necessità di rivedere i termini della convenzione, avendone verificata la sostanziale inadeguatezza, imputabile in massima parte all'insufficienza del contributo comunale che copre a malapena le spese di affitto (pagato al Comune stesso), manutenzione e utenze dell'edificio".   

E come risponde Palazzo Vecchio? L’amministrazione ha già comunicato l’intenzione di preparare un nuovo bando per affidare ad altri la gestione dei locali di viale Giannotti. In una nota dell’assessore alla cultura di Palazzo Vecchio Sergio Givone ricorda che a sostegno della realizzazione del programma artistico l'amministrazione ha predisposto un impegno economico per coprire il triennio di attività 2009-2011: ad oggi sono stati erogati 90 mila euro per l'anno 2009, 90 mila euro per il 2010 e 85 mila euro per il 2011.

L'associazione, si spiega nella nota, ha sottoscritto con la Direzione patrimonio immobiliare non abitativo un contratto di concessione, valido fino ad agosto 2012, per l'uso dei locali che prevede, secondo quanto già contenuto nel bando, il pagamento di un canone concessionario, ridotto nella misura dell'80%, per un totale di 19.257 euro. Palazzo Vecchio sottolinea l'associazione ha chiesto un aumento delle risorse comunali in loro favore, ma che è stato "chiaramente specificato che non è possibile modificare la convenzione senza un nuovo atto di evidenza pubblica". "Già dal 25 di maggio - si legge sempre nella nota- l'associazione ExTre aveva comunicato la sua volontà di non rinnovare la convenzione che scade naturalmente il prossimo mese di agosto. L'amministrazione ed il Quartiere 3 hanno incontrato più volte l'associazione per verificare se ci fossero gli spazi per una prosecuzione del rapporto, che sotto il profilo della proposta culturale ha raccolto il favore del Comune; ma così non è stato".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gavinana: chiude il centro d’arte contemporanea EX3 di viale Giannotti

FirenzeToday è in caricamento