"Cecchi Gori. Una famiglia italiana": a Roma l'esposizione dedicata alla dinastia toscana

In occasione della Festa del Cinema di Roma è stata allestita una mostra dedicata alla famiglia che è stata una delle più importanti realtà produttive nella storia del cinema italiano

In questi giorni nella Capitale si sta svolgendo la 14ª edizione della Festa del Cinema di Roma, rinomata kermesse cinematografica in cui oltre alla proiezione in anteprima di nuovi lungometraggi, si assiste ad un gran numero di eventi collaterali. Tra questi vi è la mostra 'Cecchi Gori. Una famiglia italiana', esposizione dedicata alla grande dinastia toscana, considerata una delle realtà produttive più importanti nella storia del cinema del Belpaese. 

La rassegna mette in mostra immagini inedite, mai mostrate finora ai non appartenenti alla famiglia, attraverso cui è possibile raccontare la storia del cinema italiano più popolare. Dalla commedia degli anni Sessanta, con Risi, Sordi, Lattuada, fino ai nuovi comici degli anni Ottanta e ai successi internazionali degli anni Novanta.

"Le famiglie dai Cecchi Gori, ai De Laurentiis, i Ponti, Cristaldi o Lucisano sono state la spina dorsale del cinema italiano - ha dichiarato ai colleghi di RomaToday Laura Delli Colli, presidente della Fondazione Cinema per Roma inaugurando la mostra -. Grandi firme che hanno costruito la solidità del cinema italiano e la sua immagine all’estero. I Cecchi Gori sono stati davvero l’immagine di un cinema che ha prodotto film di altissima qualità e ha lanciato la commedia all’italiana. Riuscivano a fare cinema d’autore e insieme lavorare sul tema della commedia all’italiana: quella che oggi ci piace definire ‘commedia italiana’, un marchio di fabbrica assolutamente insostituibile e che all’estero ci invidiano. Penso che quella sia stata una stagione molto forte, durante la quale i produttori rischiavano in proprio".

L'intera esposizione è stata realizzata con materiali provenienti dall'archivio privato di Vittorio Cecchi Gori, presidente della Fiorentina dal 1993 - anno della morte del padre Mario - fino al 2001 (ossia fino a poco prima del fallimento). La mostra è visitabile fino al 27 ottobre nel foyer della Sala Sinopoli (dalle 9 alle 24) dell'Auditorium Parco della Musica di Roma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento