Bimbo intossicato: dallo stabilimento farmaceutico corrono a portargli il loro farmaco e lo salvano

Staffetta dei carabinieri fino all'ospedale di Pescara

Un bambino ha rischiato di morire, dopo essere rimasto intossicato dal rame, a Pescara. A salvare il piccolo, sono stati i militari dello stabilimento farmaceutico militare di Firenze.

Gli uomini dell'Arma hanno infatti dato vita a una tempestiva staffetta con personale militare diretto al reparto di pediatria dell'ospedale 'Santo Spirito' della città abruzzese, che ha ricevuto alcune confezioni di D-Penicillamina.

Il trasporto del prezioso medicinale, fondamentale per salvare la vita del piccolo, è avvenuto nella giornata di oggi, venerdì 1 maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il D-Penicillamina è uno dei 5 'farmaci orfani' prodotti dallo stabilimento farmaceutico militare di Firenze per curare le malattie rare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento