Cronaca Centro Storico / Piazza dell'Olio

Mozart a Firenze

Il giovane genio musicale si esibì di fronte alla corte del granduca di Toscana Leopoldo II nel 1770, all'età di 14 anni

Ritratto di Wolfgang Amadeus Mozart di Barbara Kraft

Era il 30 marzo del 1770 quando Wolfgang Amadeus Mozart, che aveva 14 anni, arrivò a Firenze per la prima volta. Alloggiò per otto giorni con il padre Leopold all’albergo dell’Aquila Nera che si trovava all’angolo tra via Cerretani e piazza dell’Olio. La città era particolarmente amata da Leopold ed infatti in una lettera alla moglie si può leggere: “Vorrei che tu potessi vedere Firenze, i dintorni, la posizione di questa città. Diresti che ci si dovrebbe vivere e morire”.

Il giovane genio fu ricevuto dal granduca Leopoldo II di Toscana, il 2 aprile, nella villa del Poggio Imperiale, nella quale Amadeus si esibì con altri musicisti dell’epoca tra cui Pietro Nardini. Mozart strinse una forte amicizia con il musicista inglese Thomas Linley, allievo di Nardini. Il loro rapporto continuò negli anni a venire in quanto i due si stimavano come artisti.

Il 30 aprile 2006, per il 250esimo anniversario della nascita di Mozart e per il 236 anniversario della sa venuta a Firenze, il comune, l’istituto Français del Florence, gli Amici del Maggio Musicale fiorentino affissero una targa sul lato sinistro di piazza dell’Olio nel quale si ricorda l’albergo in cui l’artista soggiornò. “Qui ove fu l’albergo dell’Aquila Nera Wolfgang Amadeus Mozart, quattordicenne, si fermò nella primavera del 1770 nel primo dei suoi tre viaggi in Italia rivelando alla città di Firenze il suo genio musicale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento