Sport

Striscione per Antognoni sul Ponte Vecchio: Firenze si mobilita per la leggenda viola / FOTO

Il club manager potrebbe non proseguire la sua avventura con la Fiorentina dopo la scadenza del contratto prevista per il 30 giugno

In attesa che la Fiorentina annunci il nuovo allenatore, che salvo soprese dovrebbe essere Vincenzo Italiano (oggi potrebbe essere la giornata decisiva, restano da superare le formalità relative al pagamento della clausola rescissoria), il mondo viola è in apprensione per il possibile addio di Giancarlo Antognoni al club.

Nelle ultime settimane, infatti, sono emerse sempre più indiscrezioni relativamente a una possibile separazione tra il club manager e la società dopo la scadenza del contratto che lo lega alla Fiorentina fino al 30 giugno. A quanto pare la dirigenza gigliata avrebbe proposto all'Unico Dieci un cambio di ruolo, offrendogli un posto da scout del settore giovanile con un salario ridimensionato, una prospettiva che Antognoni non gradirebbe (pare che il suo malumore dipenda principalmente dalla poca voce in capitolo avuta finora, nonostante avesse un ruolo da coordinatore tecnico).

Nel frattempo, oltre che sui social, anche a Firenze sono comparse tante testimonianze di affetto nei confronti dell'ex calciatore che ha legato indissolubilmente il suo nome alla Fiorentina e al capoluogo toscano. "Le bandiere non si ammainano" recitava uno striscione affisso nei giorni scorsi sui cancelli del Franchi, mentre ieri sul Ponte Vecchio, simbolo della città alla stregua dell'ex 10 viola è comparso un altro striscione raffigurante Antognoni con un giglio rosso.

Un'immagine ricondivisa su Instagram dallo stesso Antognoni, che ha accompagnato la foto scrivendo: "Anche il Ponte Vecchio si ricorda di me. Grazie". Nei commenti tanti attestati di stima da parte di tifosi, ex calciatori e altri giocatori ancora in attività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Striscione per Antognoni sul Ponte Vecchio: Firenze si mobilita per la leggenda viola / FOTO

FirenzeToday è in caricamento