rotate-mobile
social

Pieraccioni scherza sull'intelligenza artificiale: "Guardate cosa mi è venuto fuori" / VIDEO

L'ironia dell'attore fiorentino su uno dei temi più discussi negli ultimi tempi

L'intelligenza artificiale è uno dei temi più discussi nell'ultimo periodo. Si tratta di un'abilità di una macchina di mostrare capacità umane quali il ragionamento, l’apprendimento, la pianificazione e la creatività. Una tecnologia quindi che può essere messa a disposizione dell'uomo in svariati campi, come la scienza, la medicina e il lavoro. Basti pensare che addirittura sui social l'IA ha fatto il suo esordio con l'ormai famosa Aitana Lopez, un influencer che in pochi giorni ha raggiunto 199.000 follower su Instagram. Lopez però non esiste, perché è stata completamente creata da software di intelligenza artificiale capaci di creare modelli di esseri umani perfettamente coerenti alla realtà. 

Come spesso accade sui temi di attualità, anche Leonardo Pieraccioni ha detto la sua sua. L'attore fiorentino, con una storia pubblicata su Instagram, si è "dilettato" nel creare con l'intelligenza artificiale un essere umano. "Questa ragazza si chiama Aitana Lopez - dice mostrando il volto dell'influencer - ma non esiste, è stata fatta con l'intelligenza artificiale. Anche io ho montato lo stesso programma sul mio pc per creare una modella, ma ci dev'essere stato un virus, perché la modella è venuta così". La "modella" in questione si tratta di Massimo Ceccherini, amico di Leonardo Pieraccioni. Da buoni toscani ai due piace spesso scherzare, e ironicamente Pieraccioni mostra il volto del collega con una parrucca da donna, in una scena indimenticabile dello show comico "Pinocchio". Di seguito il video:

Continua a leggere su Firenzetoday

 Carlo Conti su Pieraccioni, Ceccherini e Panariello: "Tanta gavetta" / VIDEO

Pieraccioni e l'appello alla Fiorentina: "Vogliamo vincere? Compriamo questo!" / VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pieraccioni scherza sull'intelligenza artificiale: "Guardate cosa mi è venuto fuori" / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento