John Elkann agli Uffizi, fuga d'arte prima del GP

Tour di due ore per il presidente della Ferrari, in museo con la famiglia: ad accompagnarlo il direttore Eike Schmidt

Visita a sorpresa, questa mattina agli Uffizi, del presidente della Ferrari John Elkann con la famiglia. Accompagnati dal direttore del museo Eike Schmidt, gli Elkann si sono trattenuti circa due ore nelle sale del museo. Tra le opere più apprezzate, oltre ai capolavori di Botticelli, Leonardo, Michelangelo e Raffaello, la Battaglia di San Romano di Paolo Uccello, le antiche sculture della sala della Niobe ed i ritratti storici della serie delle Gioviane, realizzati da Cristofano dell'Altissimo. Elkann si è inoltre soffermato ad ammirare l'iscrizione romana in onore del più grande auriga dell'antichità, Avilius Teres, esposta in Galleria in occasione del Gran Premio all'autodromo del Mugello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_20200912_122512_2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento