Venerdì, 19 Luglio 2024
life Greve in Chianti

Rifiuti: taglio del nastro per il nuovo Ecocentro di Greve in Chianti, investimento da 700mila euro

Per i cittadini sarà possibile conferire una serie di rifiuti

Taglio del nastro e avvio attività da questa mattina per il nuovo Ecocentro di Alia Multiutility a Greve in Chianti, in un’area di circa 3.300 metri quadrati a lato della strada provinciale del Palagione (SP 119), all’interno della zona industriale di Meleto. 

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Si tratta del 31° Ecocentro attivo sul territorio della Toscana centrale, realizzato con un investimento complessivo pari a 700mila euro, "la cui apertura è stata fortemente richiesta dalla cittadinanza", sottolinea una nota del Comune, che nel solo 2023 ha conferito i propri rifiuti differenziati per il 70% presso la struttura di Bagno a Ripoli, per il 17% a Canciulle (San Casciano), per l’8% a Figline Incisa Valdarno, per il 2% a Barberino Tavarnelle e il restante a Scandicci, "dimostrando così estrema sensibilità e grande attenzione alle tematiche ambientali".

Il nuovo Ecocentro, che si trova in via del Palagione 14, sarà aperto al pubblico ogni lunedì, mercoledì e venerdì dalle 7.30 alle 13.30 e ogni martedì, giovedì e sabato dalle 13.30 alle 19.30.

Oltre 2.000 metri quadrati di area recintata, con accesso in auto, attraverso un cancello carrabile, per conferire rifiuti numerosi o difficilmente trasportabili a mano per peso e dimensioni e con possibilità di accesso anche pedonale nel caso di oggetti di modesto peso e dimensione.

All'interno dell’area, oltre alla zona dedicata al conferimento dei rifiuti, sono stati realizzati un edificio di 73 metri quadrati destinato a uffici per l’accoglienza e la registrazione dei conferimenti effettuati dagli utenti, spogliatoi per gli operatori di Alia e servizi per l’utenza. In occasione dell’intervento "è stata riqualificata l’intera area ed un quarto circa della superficie è stato mantenuto a verde con pavimentazione permeabile, garantendo così un’armonica contestualizzazione con il territorio".

Le caratteristiche

La struttura di Greve in Chianti svolge unicamente attività di raccolta, raggruppando per frazioni omogenee i rifiuti conferiti in maniera differenziata sia dalle utenze domestiche che dalle non domestiche, con successivo trasporto agli impianti di recupero e trattamento, oppure verso impianti di smaltimento per quanto riguarda le frazioni non recuperabili. L’Ecocentro è autorizzato a ricevere batterie auto e moto, carta e cartone, grandi e piccoli elettrodomestici, indumenti usati, inerti, ingombranti, lampade e neon, lego, metalli, oli esausti, pile, plastica, pneumatici fuori uso, sfalci e potature, toner, tv e monitor, vernici, solventi e vetro.

In questo modo vengono potenziati i servizi presenti nel Comune di Greve in Chianti, dove la percentuale di raccolta differenziata ha superato, nel 2022, il 70% (dato certificato ARRR) mentre il conferimento delle principali frazioni di rifiuti, carta, organico, imballaggi (plastica, metalli e tetrapak) e residuo non differenziabile avviene con il sistema porta a porta, permettendo la gestione di ogni altra tipologia di rifiuto urbano differenziato non compreso nel sistema di raccolta porta a porta. 

Modalità di accesso

Le norme di accesso all’Ecocentro di Greve, come alle altre strutture, prevedono per le utenze domestiche l’ingresso gratuito di un veicolo alla volta, a bassa velocità e rispettando la segnaletica, oltre all’utilizzo di scarpe chiuse e gilet ad alta visibilità per la sicurezza di tutti. A seguito dell’apertura dell’Ecocentro di Meleto, Alia informa che l’orario di apertura della struttura di San Casciano, a partire da questa settimana è modificato come segue: lunedì e venerdì 14-19; martedì, mercoledì e giovedì 8-13; il sabato orario continuato 8-19. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti: taglio del nastro per il nuovo Ecocentro di Greve in Chianti, investimento da 700mila euro
FirenzeToday è in caricamento