rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Economia

Liberalizzazioni, la Toscana riparte da farmacie, edicolanti e taxi

Con la nuova legge potrebbero aprire 150 punti farmaceutici in più all'interno del territorio regionale. Ma la 'rivoluzione' riguarda anche edicolanti, benzinai e tassisti

Liberalizzazioni, tema complesso. La Regione scalda i motori e butta giù le prime stime. Partendo dalle farmacie: in Toscana infatti, applicando la legge sulle liberalizzazioni, potrebbero nascere 150 farmacie in più. Al momento sono presenti sul territorio circa 1100 farmacie. Il decreto, oggi legge, tuttavia cambia i parametri vigenti abbassando le quote numeriche: un esercizio farmaceutico ogni 3.300 abitanti. Così, da un rapido calcolo matematico, la certezza sui nuovi numeri: ulteriori 150 punti vendita. Ben 41 in più solo nella provincia di Firenze. Tutto sarà deciso entro settembre; nei prossimi 30 giorni nel frattempo i comuni dovranno comunicare i parametri di copertura del servizio. “Questa legge - ha spiegato Rossi - ci mette in condizione di rivisitare tanta normativa regionale, a partire dalle farmacie, ma anche sulla vendita dei giornali, sui distributori, sui taxi, sulle guide turistiche. E’ un processo che concluderemo con le ultime leggi e delibere che adotteremo entro fine anno. Ci auguriamo che questo dia veramente un contributo a rendere più dinamica la nostra economia, anche in termini di occupazione”.

Il discorso, in effetti, non riguarda solo le farmacie. La legge, o la rivoluzione, passa anche, tra gli altri, per edicole e benzinai. Si tratta della discussa abolizione della ‘potenzialità di mercato’. Niente limiti numerici ai punti vendita di riviste e quotidiani; e per i distributori la possibilità di aprire strutture dedicate solo alla benzina o al gasolio. Edicolanti, benzinai, ma il capitolo liberalizzazioni tocca da vicino anche i tassisti. Certo dopo il dietrofront del Governo, il nulla di fatto su una riforma discussa per settimane, il ‘dominio’ delle licenze riguarderà sempre i comuni. Ma c’è un però: alla Regione spetta la promulgazione di una ‘carta dei servizi’ con cui i comuni saranno costretti a fare i conti. Qualità, livelli minimi; ma nessuna possibilità di  intervento sul sistema tariffario. Vedremo se monterà nuovamente la polemica.

Si parla di liberalizzazione, quindi commercio, ed allora i pensieri corrono veloci alle divergenze istituzionali ed il ricorso alla Consulta sugli orari di apertura degli esercizi. Una faccenda spinosa, ma Rossi tiene subito a precisare che tolto i contrasti oramai noti, la questione rimane viva; anzi su questo fronte l’Ente ha deciso di spingere l’acceleratore su almeno due grosse partite: “Qualche volta - ha concluso Rossi - abbiamo anche anticipato: sia per il trasporto pubblico su gomma sia per quanto riguarda i rifiuti, noi abbiamo già in corso i processi di gara e quindi noi siamo andati oltre. Come siamo andati oltre rispetto a quello che chiede il Governo sull’impegno dell’individuazione di un bacino adeguato per le risorse idriche, individuando un bacino regionale”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liberalizzazioni, la Toscana riparte da farmacie, edicolanti e taxi

FirenzeToday è in caricamento