rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
La protesta / L'Arcovada / Via Giovan Filippo Mariti

Assunti a tempo indeterminato e mai pagati: “Costretti a comprarsi scarpe infortunistiche e guanti” \ FOTO

Il caso di otto lavoratori della ditta Vasari con cantieri in subappalto a Firenze e provincia: “Dall’azienda nessuna giustificazione”

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Assunti a dicembre a tempo indeterminato, non hanno mai visto un euro di stipendio e sono stati costretti a comprarsi a proprie spese  scarpe anti infortunistiche e guanti. Protagonisti, loro malgrado, otto lavoratori in subappalto dipendenti della ditta edile Vasari costruzioni, nata lo scorso luglio e con capitale sociale sottoscritto di un euro, sede in via del Ghirlandaio e amministratore unico Marco Astesana. 

Oggi la protesta davanti al cantiere di via Mariti, teatro della tragedia del 16 febbraio. “Abbiamo deciso di essere qua, perché quello che è successo al cantiere Esselunga è emblematico delle condizioni di lavoro nel settore dell’edilizia - spiega Francesca Ciuffi dei Si Cobas - Mai più morti significa mai più subappalti e soprattutto diritti per chi è ancora vivo e lavora in condizioni di totale precarietà”. 

In questi mesi hanno realizzato tra gli altri una Rsa a Rifredi e lavorato in vari cantieri privati per lavori legati al Bonus 110. “Abbiamo contattato la Vasari, ma non abbiamo avuto nessuna risposta. Questi lavoratori sono in sciopero dal primo marzo e da allora la ditta si è fatta viva per una contestazione disciplinare, per assenza ingiustificata. Adesso busseremo anche alla porta delle due principali ditte appaltatrici, Raggi Costruzioni e Target, perché secondo la legge sono responsabili in solido delle condizioni di chi lavora in subappalto. Comunque è emblematico che queste persone abbiano lavorato per n’azienda che non ha soldi e che viene aperta senza la possibilità strutturale di pagarli”.

“Ogni giorno un rinvio, poi ho lasciato il lavoro”

Lavoratori che naturalmente hanno difficoltà a pagare l’affitto, fare la spesa e mandare i soldi a casa alle proprie famiglie. “Ho iniziato a lavorare peril 28 dicembre, dovevano pagarmi gennaio a inizio febbraio, poi il 15, quindi domani e ancora dopodomani - racconta Sadfar Alì -  Io  ho continuato fino al 21 febbraio, tutti i giorni sabato incluso, poi ho lasciato il lavoro. L’ho chiamato tante volte, ma lui (l’amministratore, ndr) non ha mai risposto”.

Protesta Vasari Costruzioni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assunti a tempo indeterminato e mai pagati: “Costretti a comprarsi scarpe infortunistiche e guanti” \ FOTO

FirenzeToday è in caricamento