Nuovo Pignone: dopo la paura dei licenziamenti c'è l'accordo

Via libera su mobilità e ricambio generazionale: fino a 299 lavoratori in pensione

Potrebbero essere fino a 299 i lavoratori che andranno in pensione entro i prossimi 4 anni alla BHGE Nuovo Pignone. A prevederlo è l'accordo sottoscritto dai sindacati con l'azienda a fine ottobre, a cui i lavoratori hanno dato il via libera e del quale hanno dato notizia i sindacati nei giorni scorsi.

"Positivo l'impegno dell'azienda a trovare i giusti meccanismi per il trasferimento di competenze ed esperienza dai lavoratori in uscita a coloro che li sostituiranno - spiega il Segretario responsabile della UILM Firenze e Arezzo Davide Materazzi - nell'ambito del ricambio generazionale che prevederà un saldo positivo ad ottobre 2022, ossia la stabilizzazione o assunzione di un numero di lavoratori superiore al numero dei dipendenti licenziati in vista della pensione. Tale trasferimento di competenze ed esperienza è essenziale per il mantenimento del know-how e competitività del gruppo BHGE che ha reso solida e duratura l'attività industriale del Nuovo Pignone, mantenendo elevati livello occupazionale, anche in anni di crisi globale e di mercato".

"Positivo anche l'aver strappato all'azienda il diritto di precedenza nelle future assunzioni per la stabilizzazione di almeno 50 lavoratori attualmente in somministrazione e staff leasing - continua Materazzi -, che farà sì di dare il giusto merito soprattutto a quei lavoratori che da anni stanno contribuendo attivamente ai risultati di business dell'azienda stessa, senza però avere pari diritti rispetto ai colleghi, dipendenti diretti BHGE”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Da sottolineare infine – conclude l'esponente sindacale -, che per i prossimi 4 anni, tutti i licenziamenti che l'azienda dovesse attuare, saranno esclusivamente in base ai soli criteri della non opposizione e della pensionabilità, esclusi ovviamente quelli per motivi disciplinari, e fino ad un numero massimo di 299. Questo a tutela, garanzia e tranquillità dei lavoratori BHGE. Entro questo mese i coordinatori di Fim, Fiom e UILM si incontreranno con la direzione aziendale per parlare del rinnovo del premio di risultato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco di contagi: 1.290 in un giorno, 432 nel Fiorentino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento