rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
Attualità Impruneta

Tavarnuzze, il Lebowski non giocherà più allo stadio Nesi: "Ci piacerebbe stabilirci nel Comune di Firenze"

La società grigionera è in cerca di una nuova casa dopo l'accordo non rinnovato con l'Impruneta Tavarnuzze

Dopo cinque anni dove si sono susseguite vicende quasi storiche, come la promozione della squadra femminile in Serie C e il tesseramento dell'ex viola Borja Valero, il Centro Storico Lebowski dovrà lasciare la sua casa: il Nesi di Tavarnuzze. Come comunicato dalla società grigionera prima delle feste, l'Impruneta ha deciso di non rinnovare l'accordo della condivisione dell'impianto. Decisione dovuta al fatto che lo stadio, di piccole dimensioni, non riesce ad ospitare allenamenti e partite per entrambe le squadre. Oltre alla scuola calcio, distribuita tra i Nidiaci e il campo della Trave, a Tavarnuzze attualmente si allenano la squadra maschile che gioca in Promozione, la Juniores e la femminile. 

"Ci dispiace molto lasciare il Nesi - commenta Matthias Moretti, responsabile della comunicazione della società -, in quanto è stata la nostra permanenza più lunga. Purtroppo la nostra condizione di nomadismo ancora non si è risolta, speriamo che questa sia l'occasione giusta per metterci una pezza definitiva. Abbiamo vissuto dei bellissimi momenti in questo impianto: i soci sono cresciuti di numero, la gente allo stadio è aumentata, oltre ai risultati sportivi, dove abbiamo visto salire la squadra maschile in Promozione, la Juniores vincere il campionato provinciale e soprattutto la femminile arrivare in Serie C. Ci saranno sempre dei bei ricordi legati al Nesi. Sapevamo che gli spazi erano limitati - aggiunge Moretti - perché abbiamo intenzione di mettere su anche il nostro settore giovanile, e con un campo solo il tutto iniziava a diventare difficile. Come tutti i percorsi, anche questo ha avuto un suo compimento".

Una ricerca che negli anni ha portato il Lebowski a giocare in varie zone della città. San Donnino, Galluzzo e Tavarnuzze. Ora una nuova casa da cercare, possibilmente in maniera stabile: "Ci stiamo guardando intorno, al momento non possiamo ancora dare particolari dettagli, perché c'è una discussione interna in corso per trovare l'impianto migliore per noi. L'obiettivo sarebbe giocare nel comune di Firenze". 

Va ricordato che il punto di forza del Lebowski sono i tifosi. Cresciuti negli anni, oggi la società vanta ben 1700 soci. Una quota che nessuno potrebbe mai immaginare per una società dilettantistica, e che permette di sognare a occhi aperti, ipotizzando uno stadio di proprietà costruito proprio con il sostegno dei supporter: "Ogni società sportiva desidera avere un campo dove poter giocare, senza essere divisi in due o più campi come spesso accade. E' un sogno che stiamo inseguendo. Chissà che non sia questa l'occasione..."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tavarnuzze, il Lebowski non giocherà più allo stadio Nesi: "Ci piacerebbe stabilirci nel Comune di Firenze"

FirenzeToday è in caricamento