Il Museo fuori dal Museo, gli eventi online del museo del Novecento

Il Museo Novecento è chiuso, ma raggiunge i suoi visitatori attraverso le rubriche sui canali social della serie “Novecento Off: Il Museo fuori dal Museo”. Ogni settimana vengono proposti approfondimenti sulla collezione permanente, le mostre in corso e i futuri progetti. “Nel momento difficile che anche il mondo della cultura sta attraversando – ha spiegato Sergio Risaliti, direttore artistico -, il Museo Novecento intende sottolineare il suo ruolo attivo, di produttore e non solo contenitore di cultura, impegnato sui grandi temi dell’attualità, sulle lotte civili e politiche, continuando nella sua pratica quotidiana di valorizzazione della collezione e di aggiornamento sulle nuove realtà artistiche nazionali e internazionali. Vogliamo sfruttare al massimo e bene le potenzialità dei social media, in una declinazione di didattica diffusa e sensibilizzazione. Perché l’arte è tra i beni essenziali e non accessoria.”

Il lunedì, su Facebook, Instagram e Twitter, va online #MuseumStaffStories, una rubrica attraverso cui lo staff del museo racconta il proprio rapporto con le opere della collezione permanente attraverso un pensiero o una riflessione che scaturiscono dal contatto quotidiano con queste. A seguire, #MindTheGap offrirà al pubblico la ricostruzione di una collezione permanente ideale volta a colmare le lacune presenti all'interno della raccolta del museo. Di settimana in settimana, verrà scelto un artista "mancante" che entrerà a far parte di questa grande collezione immaginaria.

Il mercoledì è invece il giorno dedicato all’approfondimento settimanale sulla vita e la carriera artistica di Henry Moore - il grande scultore britannico che sarà protagonista della prossima mostra al Museo Novecento. “Il disegno dello scultore”, questo il titolo della retrospettiva a cura di Sebastiano Barassi (Head of Collection – Henry Moore Foundation) e Sergio Risaliti (Direttore Artistico del Museo Novecento) che indagherà il rapporto tra il disegno e la pratica scultorea nell’opera del grande artista britannico. In attesa di poter aprire la mostra, il pubblico viene introdotto alla vita e alla carriera dello scultore attraverso una serie di pillole di approfondimento sugli eventi centrali della sua vita, ricostruendo in particolare lo stretto rapporto con Firenze e il territorio toscano.

Ogni venerdì – sempre sui canali social – vengono invece raccontate le mostre in corso attraverso approfondimenti sulle singole opere e sul processo creativo degli artisti presi in esame: è questo il caso della rubrica #Atlas, che cita il celebre atlante delle immagini di Aby Warburg e intende proporre la rassegna dei riferimenti che ispirano quotidianamente il lavoro degli artisti presenti in mostra.

Infine, il pubblico potrà ispirarsi attraverso la rubrica #ArtQuotes, che presenta frasi e citazioni d’artista pensate per dar spazio ai grandi protagonisti del Novecento, e non solo.

Museo del Novecento contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre, un evento eccezionale in occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Il Museo Novecento ospita un talk con l'artista collettiva Claire Fontaine e la curatrice Paola Ugolini, alle ore 18.00 via Zoom (per link di accesso vedi canali social, newsletter e sito). L'artista sarà poi protagonista al Museo Novecento con altri due interventi: un’installazione luminosa ispirata agli eventi drammatici del nostro tempo sarà allestita sul loggiato esterno del museo, nella giornata dell’8 dicembre. Terzo progetto con Claire Fontaine sarà realizzato in occasione della Giornata della Memoria, il 27 gennaio. 

Altri eventi da non perdere

Completa l’offerta un intenso programma educativo dedicato all'approfondimento della Raccolta Alberto Della Ragione, nucleo centrale della collezione permanente del Museo. Al via da martedì 1 dicembre, nell’ambito di Mezz’ora d’arte (iniziativa promossa da Città Metropolitana, Comune di Firenze e MUS.E in collaborazione con Opera per Santa Maria Novella e grazie al prezioso sostegno di GIOTTO - love brand di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini, Mukki, Unicoop Firenze, Officina Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, e Tenderly – brand di Lucart Spa), un nuovo ciclo di visite virtuali su Zoom della durata di 30 minuti dedicate al Museo Novecento con cinque appuntamenti a cura di Elisabetta Stumpo e Valentina Zucchi, in programma a martedì alterni, alle 18.00. In apertura, il 1 dicembre, Il grande collezionismo di Alberto Della Ragione, con un focus sul raffinato e coraggioso mecenate, nella cui omonima raccolta figurano grandi capolavori del primo cinquantennio del secolo. A seguire visite virtuali durante cui si percorreranno gli spazi del museo soffermandosi sui diversi mondi intorno a cui è costruita l’esposizione, dalla natura morta al paesaggio, dal ritratto alla figura femminile. Questo il programma nei dettagli: "Natura morta: la vita degli oggetti", il 15 dicembre; "Volti e ritratti, fra pittura e scultura", il 29 dicembre; "Paesaggi, con gli occhi degli artisti", il 12 gennaio; "L'universo femminile: donne riprese e sorprese", il 26 gennaio.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Il Museo fuori dal Museo, gli eventi online del museo del Novecento

    • Gratis
    • dal 25 novembre 2020 al 12 gennaio 2021
    • Museo Novecento
  • Consultazioni musicali al telefono, il progetto del teatro della Pergola

    • dal 20 novembre al 5 dicembre 2020
  • TEDxFirenze: tutte le informazioni

    • 5 dicembre 2020

I più visti

  • Libri e fiori in piazza dei Ciompi: gli appuntamenti del 2020

    • dal 25 gennaio al 27 dicembre 2020
    • piazza ciompi
  • Van Gogh e i maledetti, la mostra torna a Firenze

    • dal 1 agosto al 8 dicembre 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Kevin Francis Gray, la mostra a Firenze

    • dal 2 giugno al 21 dicembre 2020
    • Museo Stefano Bardini
  • "Farulli 100": cento concerti nel centenario della nascita del grande violinista

    • dal 1 gennaio al 31 dicembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento