Il restauro e l'esposizione dell'Angelo annunciante in terracotta della Pieve di San Gennaro

L’Opificio delle Pietre Dure presenta il restauro di un interessante e poco noto Angelo annunciante in terracotta della Pieve di San Gennaro in Lucchesia, riconducibile stilisticamente alla grande bottega del Verrocchio e che è stato anche attribuito a Leonardo da Vinci da Carlo Pedretti.

I documenti ricordano che il 21 luglio 1776 l'Angelo era stato colpito da una scala mentre veniva addobbata la chiesa per la festa del co-patrono San Cirillo. La parte superiore della statua cadde andando in frantumi. I documenti che riportano l'incidente ricordano che per riparare l'angelo furono acquistate 30 libbre di gesso e i colori per "ricolorillo".  Il complesso restauro è stato compiuto dal settore dei Materiali Ceramici Plastici e Vitrei in nove mesi di intenso lavoro.

Dopo la rimozione del gesso usato per la riparazione settecentesca, sono stati smontati i vecchi incollaggi inadeguati e si è proceduto alla rimozione degli spessi strati di ridipintura, lavorando sui singoli frammenti. In molte zone è stato possibile ritrovare i colori originali molto più preziosi di quelli usati dopo l'incidente settecentesco. Per esempio, il giallo sordo dell'ala nascondeva una bella azzurrite, sotto il rosso del manto è riemersa la lacca di garanza. Numerose tracce di oro zecchino in foglia testimoniano la presenza di raffinate decorazioni. Dopo la rimozione delle ridipinture e i consolidamenti, i frammenti sono stati incollati e la figura dell'angelo si è ricomposta, mostrando una nuova veste cromatica.

Dopo le integrazioni delle lacune della terracotta, si è proceduto al ritocco pittorico a selezione cromatica per aiutare la corretta lettura dei volumi. Il progetto si è reso possibile grazie al finanziamento di LEO-LEV, centro espositivo in Vinci, che ha richiesto anche una replica fedele dell'opera, realizzata cioè con gli stessi materiali e tecniche che avrebbero potuto utilizzare gli artisti attivi in una bottega del Quattrocento.

Per la prima volta il settore dei materiali ceramici e plastici si è quindi cimentato nella creazione di un nuovo esemplare in terracotta che ripropone la stessa tecnica pittorica dell'originale, indagata con esami chimici. Per questo lavoro hanno messo a disposizione dell'Opificio la loro grande esperienza un ceramista e un docente dell'Accademia di Belle Arti di Firenze. Il risultato è particolarmente vistoso ma rende l’idea di come doveva presentarsi l'opera originale agli occhi dei fedeli di tanti secoli fa quando, nella oscurità della Pieve, era illuminata solo con candele o lumi a olio. All’interno del Museo dell’Opificio delle Pietre Dure sarà possibile ammirare l’opera dopo il restauro e confrontarla con la nuova versione moderna. Due agili video spiegheranno sia il restauro che l’esecuzione della riproduzione.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Santa Maria Novella: la mostra La Botanica di Leonardo

    • dal 13 settembre al 15 dicembre 2019
    • Complesso Santa Maria Novella
  • Alla scoperta della collezione Cr: le viste guidate gratuite

    • Gratis
    • dal 19 gennaio al 15 dicembre 2019
    • Fondazione Cr Firenze

I più visti

  • Uffizi, Boboli e Palazzo Pitti a entrata gratuita: ecco le date

    • Gratis
    • dal 17 marzo al 30 novembre 2019
    • Galleria degli Uffizi
  • Inside Magritte, la mostra a Firenze

    • dal 1 novembre 2019 al 1 marzo 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Torna il mercato di Natale in piazza Santa Croce

    • dal 23 novembre al 22 dicembre 2019
    • piazza Santa Croce
  • Santa Maria Novella: la mostra La Botanica di Leonardo

    • dal 13 settembre al 15 dicembre 2019
    • Complesso Santa Maria Novella
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento