End of desire di David Ireland, lo spettacolo

Dermot e Janet si conoscono tramite Internet e si danno appuntamento per una notte di sesso occasionale. La situazione è assolutamente bizzarra: lei appare vestita da topo!
Dopo aver consumato il sesso, i due si ritrovano coinvolti in una serie di dialoghi dinamici e divertenti; un accelerato scambio di opinioni politiche, culturali e sociali che toccano argomenti superficiali quali la scelta di un programma televisivo e argomenti profondi quali la solitudine umana.
Il pubblico è catapultato nella divertente esplorazione dei disagi e delle difficoltà di un incontro fra due estranei, socialmente e culturalmente opposti. Ci troviamo di fronte alle “maschere” che tutti indossiamo quando ci imbarchiamo nella pericolosa impresa di iniziare nuove relazioni. Un viaggio attraverso le problematiche e gli stereotipi della società moderna, contro cui i due decidono di combattere, togliendosi e rimettendosi le maschere delle paure, delle insicurezze e delle false convinzioni.
Una commedia brillante dal ritmo incalzante, i toni leggeri ma taglienti, in cui ritroviamo le tematiche protagoniste del nostro tempo immerse in un'atmosfera grottesca e divertente.

David Ireland si è formato come attore al RSAMD (oggi Royal Conservatoire of Scotland) di Glasgow e ha lavorato come attore in molte compagnie teatrali del Regno Unito, comprese Royal Shakespeare Company, Manchester Royal Exchange, Glasgow Citizens Theatre e Traverse Theatre di Edimburgo.
Dal 2011 al 2012 è stato drammaturgo in residenza al Lyryc Theatre di Belfast.
Il suo primo testo What the Animals Say è stato prodotto dal Òran Mór di Glasgow e presentato al Belfast Festival. Successivamente ha scritto Everyting Between Us, che ha vinto il Meyer-Whitworth Award e il Stewart Parker BBC Award, The End of Hope The End of Desire, Half a Glass of Water, Yes So I Said Yes, Can't Forget About You, Most Favoured, The Hen Night, Summertime, I Promise You Sex and Violence, Blood Wedding e Cyprus Avenue.
Per la radio, ha adattato Everything Between Us per BBC Radio 3 e ha scritto Trouble and Shame per la BBC Radio Scotland.

Dimitri Milopulos, regista, scenografo, costumista, autore, attore, grafico. Nel 1988 crea insieme a Barbara Nativi e altri collaboratori il Teatro della Limonaia e il Festival Intercity di cui è direttore artistico dal 2005. Dirige - oltre ai propri - testi di Barbara Nativi, David Ireland, Oscar Wilde, Gaspare Baglio, Dimitri Dimitriadis, Letizia Russo, Michel Tremblay e firma le scene di più di 50 produzioni su testi di autori come Sarah Kane, Jon Fosse, Jean-Luc Lagarce, Sergi Belbel, Barbara Nativi, Michel Tremblay, Martin Crimp, Michel Marc Bouchard, collaborando con registi come: Barbara Nativi, Irene Aho, Jon Tombre, Rickard Günther, Roxana Silbert, Dominic Dromgoole, David Ferry, Runar Hodne.

Causa emergenza i posti sono limitati, consigliata la prenotazione
Biglietti:
€ 12 intero
€ 10 ridotto

Riduzioni: Coop, Arci, Carta Feltrinelli, Allievi Scuola Intercity.

Teatro della Limonaia
11, 12, 13 settembre ore 20.30 e 22.00
Intercity/Back To London
END OF DESIRE
di David Ireland
regia Dimitri Milopulos
con Monica Bauco, Daniele Bonaiuti
scene, luci, costumi Dimitri Milopulos
traduzione Dimitri Milopulos

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Notre Dame de Paris: posticipate a maggio 2021 le date fiorentine

    • dal 14 al 16 maggio 2021
    • Nelson Mandela Forum

I più visti

  • Palazzo Strozzi "ferito": l'installazione di Jr

    • Gratis
    • dal 19 marzo al 22 agosto 2021
    • Palazzo Strozzi
  • La mostra Internazionale dell’Artigianato online

    • dal 24 aprile al 2 maggio 2021
  • Uffizi e Città di Firenze per Dante Alighieri: in piazza Signoria l'abete-scultura di Giuseppe Penone

    • Gratis
    • dal 25 marzo al 12 settembre 2021
    • Piazza della Signoria
  • Maggio Musicale: un anno ricco di eventi, tra cui il concerto in piazza della Signoria

    • dal 30 agosto 2020 al 30 luglio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    FirenzeToday è in caricamento