End of desire di David Ireland, lo spettacolo

Dermot e Janet si conoscono tramite Internet e si danno appuntamento per una notte di sesso occasionale. La situazione è assolutamente bizzarra: lei appare vestita da topo!
Dopo aver consumato il sesso, i due si ritrovano coinvolti in una serie di dialoghi dinamici e divertenti; un accelerato scambio di opinioni politiche, culturali e sociali che toccano argomenti superficiali quali la scelta di un programma televisivo e argomenti profondi quali la solitudine umana.
Il pubblico è catapultato nella divertente esplorazione dei disagi e delle difficoltà di un incontro fra due estranei, socialmente e culturalmente opposti. Ci troviamo di fronte alle “maschere” che tutti indossiamo quando ci imbarchiamo nella pericolosa impresa di iniziare nuove relazioni. Un viaggio attraverso le problematiche e gli stereotipi della società moderna, contro cui i due decidono di combattere, togliendosi e rimettendosi le maschere delle paure, delle insicurezze e delle false convinzioni.
Una commedia brillante dal ritmo incalzante, i toni leggeri ma taglienti, in cui ritroviamo le tematiche protagoniste del nostro tempo immerse in un'atmosfera grottesca e divertente.

David Ireland si è formato come attore al RSAMD (oggi Royal Conservatoire of Scotland) di Glasgow e ha lavorato come attore in molte compagnie teatrali del Regno Unito, comprese Royal Shakespeare Company, Manchester Royal Exchange, Glasgow Citizens Theatre e Traverse Theatre di Edimburgo.
Dal 2011 al 2012 è stato drammaturgo in residenza al Lyryc Theatre di Belfast.
Il suo primo testo What the Animals Say è stato prodotto dal Òran Mór di Glasgow e presentato al Belfast Festival. Successivamente ha scritto Everyting Between Us, che ha vinto il Meyer-Whitworth Award e il Stewart Parker BBC Award, The End of Hope The End of Desire, Half a Glass of Water, Yes So I Said Yes, Can't Forget About You, Most Favoured, The Hen Night, Summertime, I Promise You Sex and Violence, Blood Wedding e Cyprus Avenue.
Per la radio, ha adattato Everything Between Us per BBC Radio 3 e ha scritto Trouble and Shame per la BBC Radio Scotland.

Dimitri Milopulos, regista, scenografo, costumista, autore, attore, grafico. Nel 1988 crea insieme a Barbara Nativi e altri collaboratori il Teatro della Limonaia e il Festival Intercity di cui è direttore artistico dal 2005. Dirige - oltre ai propri - testi di Barbara Nativi, David Ireland, Oscar Wilde, Gaspare Baglio, Dimitri Dimitriadis, Letizia Russo, Michel Tremblay e firma le scene di più di 50 produzioni su testi di autori come Sarah Kane, Jon Fosse, Jean-Luc Lagarce, Sergi Belbel, Barbara Nativi, Michel Tremblay, Martin Crimp, Michel Marc Bouchard, collaborando con registi come: Barbara Nativi, Irene Aho, Jon Tombre, Rickard Günther, Roxana Silbert, Dominic Dromgoole, David Ferry, Runar Hodne.

Causa emergenza i posti sono limitati, consigliata la prenotazione
Biglietti:
€ 12 intero
€ 10 ridotto

Riduzioni: Coop, Arci, Carta Feltrinelli, Allievi Scuola Intercity.

Teatro della Limonaia
11, 12, 13 settembre ore 20.30 e 22.00
Intercity/Back To London
END OF DESIRE
di David Ireland
regia Dimitri Milopulos
con Monica Bauco, Daniele Bonaiuti
scene, luci, costumi Dimitri Milopulos
traduzione Dimitri Milopulos

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "Io vergine, tu pesci?"

    • 25 ottobre 2020
    • Teatro dell'Affratellamento
  • Caveman al TuscanyHall

    • 30 ottobre 2020
    • TuscanyHall
  • "Chip per 3" al Teatro La Fonte

    • dal 23 al 25 ottobre 2020
    • Teatro La Fonte

I più visti

  • Tutankamon: viaggio verso l’eternità. La mostra a Firenze | FOTO / VIDEO

    • dal 15 febbraio al 31 ottobre 2020
    • Palazzo Medici Riccardi
  • Arrivano i lupi nelle piazze di Firenze: la mostra | FOTO

    • Gratis
    • dal 13 luglio al 2 novembre 2020
    • Palazzo Pitti
  • Libri e fiori in piazza dei Ciompi: gli appuntamenti del 2020

    • dal 25 gennaio al 27 dicembre 2020
    • piazza ciompi
  • Van Gogh e i maledetti, la mostra torna a Firenze

    • dal 1 agosto al 8 dicembre 2020
    • Chiesa Santo Stefano al Ponte
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    FirenzeToday è in caricamento