Eroina killer: un altro morto

Inutili i tentativi di rianimazione da parte del 118

Ancora un morto per overdose di eroina. E' successo ieri pomeriggio, dove il 118 e la polizia, dopo alcune segnalazioni, sono intervenuti alla stazione ferroviaria delle Piagge.

Sulla rampa che porta al binario 2 è stato ritrovato, riverso a terra, un uomo, con una siringa accanto al corpo. Purtroppo inutili i tentativi di rianimazione da parte del personale sanitario.

L'uomo è risultato essere un 54enne originario della Sardegna e residente da tempo nella zona. Era conosciuto come assuntore di stupefacenti.

La salma, per gli accertamenti del caso, è stata trasportata all'istituto di medicina legale di Careggi.

Come denunciato da mesi dagli operatori del settore e dai servizi del Serd, l'uso di eroina sta aumentando negli ultimi tempi, anche a Firenze e circondario.

Negli ultimi mesi in città si sono contati almeno quattro morti. Oltre alla vittima di ieri, un 37enne trovato senza vita dal coinquilino a fine gennaio, un uomo di 56 anni a dicembre nei pressi di piazza Puccini e una studentessa di appena 21 anni alla Fortezza da Basso lo scorso settembre.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Largo Annigoni, derubati e poi pestati di botte: gravi due giovani

  • Elezioni comunali 2019

    Elezioni 2019, Marcheschi: "Faccio un passo indietro se centro-destra ha candidato unitario"

  • Cronaca

    Droga: professore sorpreso a comprare marijuana

  • Cronaca

    Droghe, cresce il consumo fra i giovani: allarme eroina "low cost"

I più letti della settimana

  • Festa del papà: perché in Toscana si dice “babbo”

  • Siria: ucciso dall'Isis giovane combattente fiorentino

  • Rissa fra genitori: partita sospesa, bambini in lacrime

  • Ucciso dall'Isis, la lettera d'addio di Lorenzo: “Sono morto facendo quello che ritenevo giusto”

  • Autostrada A1: incidente tra mezzi pesanti, un morto

  • Concorsi pilotati a Careggi: 8 professori interdetti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento