Turismo, consigliere Pd: "Stop al linciaggio mediatico di chi affitta ai turisti"

Alessio Rossi: "Internet, booking e Airbnb consentono di ampliare l'offerta e conoscere meglio la città"

Piattaforme on line come Airbnb sono da tempo oggetto di udre critiche da parte di albergatori e affitacamere "ufficiali". Solo la settimana scorsa Federalberghi ha lanciato l'ultima stoccata: "Nel 2015, su 90 milioni di presenze, la metà dei turisti arrivati Toscana ha soggiornato in strutture abusive".

L'uscita dell'associazione degli albergatori è solo l'ultima di una serie di attacchi contro un portale che ormai viene usato sempre di più, a livello planetario, soprattutto dai giovani.

Una lancia in difesa di Airbnb l'ha spezzata oggi in consiglio comunale Alessio Rossi, consigliere comunale del Pd. "Milioni di turisti soggiornano in città e ammirano ogni anno Firenze. Vista l’enorme quantità di persone e l’innovazione delle tecnologie, l’offerta turistica è cambiata. Oggi anche persone che prima non si potevano permettere un soggiorno in strutture ricettive, trovano una locazione, grazie ad internet e a piattaforme come booking o airbnb", spiega Rossi.

"E' un'esperienza scelta non solo per risparmiare, ma per conoscere meglio la città e chi la abita. Conosco molte persone che hanno stretto amicizie internazionali - prosegue il consigliere -. Le parole usate verso chi decide di offrire un alloggio a dei turisti sono inaccettabili: sono stati definiti parassiti, evasori seriali. Conosco molte persone che ogni mese versano la tassa di soggiorno e ora pag la tari maggiorata. Trovo davvero ingenerose e ingiuste le parole usate da giornali e categorie per chi come loro lavora, paga le tasse e crea posti di lavoro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tentati furti in casa: attenti alle fascette di plastica 

  • Formaggio e uova richiamati per rischio contaminazione

  • Gavinana: senzatetto morta nei giardini / FOTO

  • Parcheggi su strisce blu: gratis per tutti i residenti a partire dal 30 marzo

  • Firenze, gli eventi da non perdere questo weekend

  • Fallita l'azienda fiorentina CHL. Anticipò Amazon e fu pioniera dell'e-commerce

Torna su
FirenzeToday è in caricamento