Elezioni amministrative 2019: è già guerra di sondaggi, ma gli avversari di Nardella ancora non ci sono

Secondo un'indagine anticipata dalla Nazione l'attuale sindaco vincerebbe al primo turno

Il sindaco Dario Nardella

L'attuale sindaco Dario Nardella potrebbe vincere al primo turno delle elezioni amministrative in programma il prossimo 26 maggio ed essere riconfermato subito sindaco. Così almeno dice un sondaggio di Swg sulle intenzioni di voto pubblicato ieri su La Nazione.

In base alla rilevazione, effettuata su un campione rappresentativo di 700 persone tra l'8 e il 13 marzo scorsi ((interviste telefoniche con metodo Cati/Cami e online con metodo Cawi, sarà pubblicato su www.sondaggipoliticoelettorali.it), Nardella prenderebbe al primo turno tra il 52 e il 56%, quindi sarebbe subito riconfermato (si va al ballottaggio se nessun candidato supera il 50% dei voti espressi).

Lo stesso sondaggio ha sondato anche i possibili risultati delle altre forze politiche, anche se, bisogna dire, i candidati ufficiali dei maggiori schieramenti che affronteranno l'attuale primo cittadino ancora non ci sono, a poco più di due mesi dal voto.

Elezioni comunali e sondaggi: gli avversari di Nardella

Così per la coalizione di centrodestra il sondaggio ha chiesto al campione in quanti voterebbero il manager Ubaldo Bocci, considerandolo come candidato comune di Lega, Forza Italia e Fdi (ma appunto, ancora l'ufficialità non c'è, con Fdi che ha già lanciato Marcheschi). Bocci prenderebbe tra il 26 e il 30%.

Poi c'è il capitolo 5 Stelle. Nei giorni scorsi sembrava ad un passo la candidatura di Lorenzo Masi. Ma ora è di nuovo tutto in forse. Nel sondaggio si ipotizza il candidato sindaco Nicola Cecchi, che alle ultime politiche sfidò Renzi nel collegio uninominale. Secondo Swg prenderebbe tra l'8 e il 12%.

Molto più staccati gli altri candidati: Antonella Bundu della coalizione di sinistra (Mdp-Articolo 1, Rifondazione, Possibile, Sinistra Italiana e Firenze Città Aperta) è data trail 3 e il 5%. Mustafa Watte, della lista Punto e a Capo di Graziano Cioni e Nicola Cariglia, è dato tra l’1 e il 3%. Poi ci sono Andrés Lasso dei Verdi (0 - 2%), Gabriele Giacomelli del Partito Comunista (0-1%) e Saverio di Giulio di Casapound (0-1%).

I risultati di questo sondaggio sono radicalmente diversi da quello diffuso dal quotidiano Il Foglio in un articolo del 7 marzo scorso, che dava Nardella al 42% e Bocci al 38%, un distacco minimo smentito da fonti interne al Pd. Dai diretti interessati, in attesa di avere i candidati ufficiali delle varie forze politiche, per ora pochi commenti.

Sabato scorso intanto Nardella ha inaugurato il comitato elettorale in via del Campofiore, in zona piazza Alberti, mentre lancerà ufficialmente la campagna elettorale il prossimo 27 marzo dalla Sala Rossa del Palazzo dei Congressi, lo stesso luogo da dove lanciò la volata poi vittoriosa cinque anni fa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue in Piazza Stazione: accoltellato con una mannaia 

  • Prima nevicata in Toscana | FOTO

  • La terza e ultima stagione de I Medici: tutte le informazioni

  • Meteo, arriva il primo freddo: le previsioni della settimana

  • Novoli: sorpreso sulla tramvia senza biglietto si mette nei guai da solo

  • Coverciano: pino cade sulle auto parcheggiate / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento