75esimo della Liberazione, Nardella: “Continueremo a combattere” 

Il primo cittadino critica il decreto Sicurezza bis

 

Sono iniziate stamani alle 7 con i rintocchi della Martinella le celebrazioni del 75esimo anniversario della Liberazione di Firenze. Dopo il suono della campana della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio, che l’11 agosto 1944 annunciò alla città il ritorno alla libertà e alla democrazia, le celebrazioni sono continuate alle 9.45 in piazza Santa Croce, dove si è tenuta la cerimonia solenne dell’alzabandiera con la deposizione di una corona di alloro da parte delle autorità civili, religiose e militari e il ricordo dei caduti di tutte le guerre con le preghiere di suffragio. A seguire corteo diretto a Palazzo Vecchio, con al seguito i Gonfaloni di Firenze, della Regione Toscana, della Città metropolitana e dei vari Comuni dell’area fiorentina, oltre ai labari della federazione delle associazioni partigiane e delle associazioni d’arma e combattentistiche. 

Sull’arengario di Palazzo Vecchio, in piazza della Signoria, si sono tenuti poi l’intervento del sindaco Dario Nardella, di Leandro Agresti, nome di battaglia Marco, uno dei primi partigiani a salire a Monte Morello, e di Riccardo Mattei, figlio della partigiana Liliana Benvenuti ‘Angela’. 

 "Anche oggi assistiamo al tentativo di alcune forze politiche e di alcune personalità di farci dimenticare o comunque di mettere in secondo piano quei valori di solidarietà e uguaglianza - ha detto il sindaco in un passaggio del suo discorso - che si sono creati durante le sofferenze della dittatura fascista e che sono alla base della nostra Costituzione. Io credo che oggi chi parla di libertà dovrebbe ricordare che ci sono donne e uomini che sono morti per la libertà; vorrei sapere quante di queste persone, che mettono in discussione i valori della Costituzione, siano disposti a dare la vita per la libertà degli altri e anche dei propri avversari. Sentiamo così poco oggi parlare di pace, di solidarietà, di diritti. Anzi, troppo spesso sentiamo invocare in modo strumentale la sicurezza, cercando d’incastrarla in ogni ambito della nostra quotidianità, non come un diritto costituzionale del cittadino verso lo stato, ma come grimaldello del potere politico usato per dividerci e minare la coesione sociale del nostro Paese, spandendo a piene mani l’odio verso il prossimo, il disprezzo per il diverso e l’indifferenza verso le persone che oggi hanno più bisogno del nostro aiuto". 

"Pochi giorni fa è stata posta la fiducia in Parlamento su quello che è stato definito decreto Sicurezza bis - ha proseguito il sindaco -  Io condivido le perplessità e anche i richiami formali molto severi del presidente della Repubblica Sergio Mattarella soprattutto sul fatto che lo Stato italiano punisca con sanzioni, che arrivano addirittura a un milione di euro, coloro che fino a prova contraria salvano da morte certa le persone in mare. Sono questi i valori di solidarietà per i quali i partigiani hanno lottato? È questo lo Stato per il quale i nostri concittadini hanno versato il loro sangue? È questa l’Italia che vogliamo mostrare al mondo intero? Non penso. Io starò sempre in prima fila per difendere lo spirito che ha portato i partigiani a salire in montagna. Io, come tutti noi, continueremo a combattere quella visione di società che ispira provvedimenti spesso molto discutibili e si pone agli antipodi dei valori che hanno unito la cittadinanza per cacciare gli oppressori. Sono gli stessi valori che sono stati poi trascritti e hanno dato la vita alla nostra Costituzione". 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento