Coronavirus: "Chiusura di tutte le scuole", ma è una fake news

Gira su whatsapp ed è una dichiarazione attribuita al presidente Conte ma è falsa

Tra le diverse fake news, notizie false, relative al Coronavirus ha iniziato nelle scorse ore a dilagare sulle chat di WhatsApp una relativa alla presunta chiusura di tutte le scuole italiane. Ma si tratta appunto di una notizia falsa, non vera.

Questo il messaggio falso che circola: "Il presidente del consiglio Conte Giuseppe dispone la chiusura di tutte le scuole d’Italia di ogni grado e ordine per la grave e allarmante situazione che incombe sulla nostra nazione. Al fine di tutelare la salute nazionale e degli studenti fino al 5 marzo 2020 le scuole di ogni grado e ordine saranno chiuse. A breve uscirà la disposizione ufficiale sul sito del ministero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo questa falsa dichiarazione viene aggiunto il link al ministero dell'interno, dove però appunto non c'è alcuna informazione in merito.

Qui è stato visitato il primo paziente fiorentino / VIDEO

Coronavirus: i due casi positivi in Toscana

I post falsi attribuiti al presidente Rossi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Coronavirus: si torna a salire a causa dei cluster, 2 decessi e 19 nuovi casi 

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

Torna su
FirenzeToday è in caricamento