Sesto Via Petrosa

Saracinesche giù per il negozio Ginori all'interno dell'Ipercoop di Sesto Fiorentino

Dalla scorsa settimana il bandone è giù, non c'è nessun cartello informativo ed è sparita l'insegna. Uno scenario inconsueto che ha lasciato un po' sorpresi anche i clienti del supermercato sestese

Scenario inconsueto che ha lasciato un po' sorpresi anche i clienti dell'Ipercoop di Sesto Fiorentino. Il negozio Richard Ginori chiuso con il bandone giù e senza l'indicazione di un cartello “Chiuso per ferie”, o “per inventario”. Oltre a questo è sparito anche l'insegna con il marchio della storica fabbrica sestese; non resta che aspettare e vedere cosa succede.

E' l'ennesimo colpo di scena che vede protagonista un marchio famoso in tutto il mondo e per cui gli ultimi anni sono stati funestati da vicende che hanno conquistato le prime pagine dei giornali anche sulle cronache nazionali. Prima il fallimento, poi due bandi e lo spettro di un possibile trasferimento all'estero per arrivare fino alla felice conclusione e l'acquisto da parte della griffe fiorentina Gucci della manifattura con il ricollocamento della maggior parte dei lavoratori.

Un'affaire che non ha coinvolto solo i sindacati, le istituzioni ed anche alcuni ministri, ma tutta la città di sesto che più volte è scesa in piazza e per le strade chiedendo che la storia industriale sestese non fosse cancellata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saracinesche giù per il negozio Ginori all'interno dell'Ipercoop di Sesto Fiorentino

FirenzeToday è in caricamento