ScandicciToday

Una bolla wifi su Scandicci

E' il progetto derl comune di Scandicci per fornire più servizi ai cittadini. Diverse le zone coperte dal wifi, CAstello dell'Acciaiolo, biblioteca comunale e centro dell'impiego.

“La liberalizzazione del wi-fi nei luoghi pubblici è un provvedimento necessario e imprescindibile per stare al passo con tutti i paesi più moderni, l’emendamento che nei fatti annulla le novità del ‘Decreto del fare’ deve essere eliminato - così il primo cittadino di Scandicci Simone Gheri commenta la decisione del governo italiano”.

Una dichiarazione che è anche un appello a tutti i parlamentari toscani perché si adoperino per tornare alla versione originaria del documento nel quale veniva stabilito una vera e propria liberalizzazione del wi-fi pubblico. Un marcia indietro secondo il sindaco di Scandicci sarebbe una rinuncia alla modernizzazione e semplificazione per la diffusione del web “ strumento, ormai importantissimo per i cittadini che trovano in rete anche una miriade di servizi pubblici”

La natura del ‘Decreto del fare’ nella sua prima versione favoriva il diffondersi del wi-fi, ed in questo modo aiutava le amministrazioni pubbliche ed i cittadini creando una bolla di accesso  libero di dimensioni crescenti e sempre più importanti.

L’emendamento al decreto già approvato in Commissione alla Camera “invece ci riporta –conclude il Sindaco Gheri -  indietro di anni”.

“Il nostro progetto fin dall’inizio –spiega l’assessore all’innovazione Gabriele Coveri – era quello di creare una bolla mediatica su Scandicci. Abbiamo iniziato mettendo il wi-fi sulla tramvia assieme al Comune di Firenze e poi abbiamo proseguito con due zone, il Castello dell’Acciaiolo ed una parte del Parco e la biblioteca comunale di Scandicci”.

I cittadini potranno usufruire del wi-fi anche al centro dell’impiego in via Pantin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il progetto futuro – conclude l’assessore Coveri – è quello di creare una specie di agorà mediatica, entro dicembre, in due piazze molto importanti Piazza Matteotti e Piazza Piave”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 19 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Incidente in piazza della Libertà: scontro tra auto, cinque feriti | FOTO

  • Elezioni regionali e referendum: boom affluenza in Toscana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento