Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

La Trattoria Mario vince il programma di Alessandro Borghese: "Questo è il mio ingrediente segreto" / VIDEO

Premio speciale per la bistecca tra i locali del centro storico fiorentino. Siamo entrati nel suo "regno" per capire quale sia stata la ricetta vincente

 

La Trattoria Mario si è imposta nella classifica della puntata dei "Quattro Ristoranti", il programma condotto dallo chef Alessandro Borghese, vincendo la sfida dei ristoranti storici fiorentini. In lizza con Romeo Colzi, e la sua attività, la Trattoria Antico Fattore di Alessio Lucia, la Trattoria Zà Zà di Stefano Bondi e il Ristorante Natalino di Gabriele Mazzanti. A pesare sul risultato definitivo anche il bonus dello chef Alessandro Borghese che ha premiato la trattoria con i 5 punti extra per la migliore bistecca alla fiorentina. "Il mio segreto? - dice Colzi - E' non avere segreti, solo ingredienti di prima qualità". 

La storia del locale
Correva l’anno 1953 quando Romeo, Amelia e il figlio Mario inaugurarono l’attività in Via Rosina nello storico borgo di San Lorenzo. Il soffitto di legno di quercia a cassettoni, ancora oggi visibile nel locale, risale a metà del Cinquecento ed apparteneva alle vecchie stalle del Palazzo del Gattamelata, oggi Palazzo Alessandri. Inizialmente l’attività era una mescita di vini dove si ritrovavano i lavoratori del Mercato Centrale: facchini, macellai, ortolani. Nel 1957 con il matrimonio di Mario, la bottega diviene una Trattoria con il servizio ai tavoli e piatti caldi tipici della tradizione preparati con passione nella piccola cucina, come la zuppa di fagioli e verdure, la trippa alla fiorentina, la pappa al pomodoro, l'arista, lo spezzatino e il baccalà in umido. La Trattoria Mario è oggi un punto di ritrovo per studenti e turisti di tutto il mondo e ogni giorno, grazie alla passione tramandata da Mario ed Elena ai figli Romeo, Fabio e al resto della famiglia fa vivere la socialità e i sapori della Firenze di un tempo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento