Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dinosauri invadono Firenze: la mostra con riproduzioni a grandezza naturale | FOTO / VIDEO

 

Un viaggio nel tempo porta Firenze nell'era dei dinosauri la Mesozoica che si divide in tre periodi il Triassico, il Giurassico e il Cretaceo. Riproduzioni a grandezza naturale dei giganti del passato da osservare ciascuna nel proprio ambiente, ricreato con cura in 17 isole interamente scenografate. Una mostra divertente e educativa per grandi e piccoli che potranno ammirare T-Rex, Stegosauri e Velociraptor da vicino osservandone i movimenti ed i suoni.

Acquista QUI i biglietti a prezzi scontati per la mostra

Dinosaur Invasion (dal 9 novembre al 29 marzo 2020 (la mostra è stata prorogata, sarebbe dovuta terminare il 12 gennaio 2020) in Viale Guidoni 206, accanto al Centro Sportivo Paganelli, noto anche come “le cupole”) è stata organizzata in collaborazione con Firenze Pallanuoto e Liberi e Forti ASD (società cui andrà una parte degli incassi per l’efficientamento energetico dell’impianto sportivo).

QUI per orari e costi

In totale 30 dinosauri - termine coniato nel 1842 dal paleontologo inglese Richard Owen, dal greco “deinòs”, terribile e “sàuros”, lucertola - progettati e costruiti sulla base delle indicazioni di un team di paleontologi professionisti grazie ai quali è stato possibile riprodurli con massima precisione, non solo nell’aspetto, ma anche nei movimenti, fedeli al loro comportamento in natura.

"L'esperienza mediatica complessiva, cinematografica, televisiva, espositiva, conferma da decenni a livello mondiale che i dinosauri sono in assoluto i migliori ambasciatori delle scienze della vita - spiega Cecchi Paone, padrino della mostra e presente all'anteprima stampa l'8 novembre - in particolare presso i più piccoli, gli studenti delle scuole primarie, gli adulti che vogliono recuperare nozioni dimenticate di biologia, zoologia e paleontologia. È però indispensabile che, come in questa mostra, le ricostruzioni degli esemplari e del loro ecosistema siano precise e affidabili".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento