Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Omaggio a Odoardo Spadaro, il babbo di "La porti un bacione a Firenze" / VIDEO - FOTO

A 55 anni dalla morte commemorazione al cimitero delle Porte Sante

 

Firenze questa mattina ha ricordato uno dei suoi artisti più noti e significativi, Odoardo Spadaro, a 55 anni dalla sua morte, avvenuta il 26 giugno 1965. A rendergli omaggio al Cimitero delle Porte Sante, dov’è sepolto, Mirco Rufilli, consigliere delegato alla promozione e alla valorizzazione della fiorentinità. Presente alla commemorazione ufficiale anche il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani. Per l’occasione ha partecipato anche Gianmaria Vassallo, attore e cantante, nonché profondo conoscitore dell’opera di Spadaro, al quale sta dedicando un libro di prossima uscita dal titolo “Il mio nome è Spadaro” per la casa editrice Nicomp.

“È un grande onore per me rappresentare la città di Firenze in occasione della prima celebrazione ufficiale nell’anniversario della scomparsa di Odoardo Spadaro. – ha detto Mirco Rufilli - Un momento che da ora in poi diventerà un appuntamento fisso e annuale proprio in questo luogo dato il rilievo di questo personaggio. Spadaro ha creato una vera e propria ‘scuola’ cantautoriale che ha saputo interpretare al meglio l’identità fiorentina. Gianmaria Vassallo, seppur molto giovane, ne è un erede eccezionale. È importante che anche le giovani generazioni non perdano la memoria di figure così rilevanti per la storia e la cultura di Firenze, per questo abbiamo lavorato assieme all’assessore Vannucci alle tradizioni popolari, Martini alla Cultura della memoria e Giachi alla toponomastica, sia per la giornata di oggi che per l’installazione di una targa in suo ricordo in via Santo Spirito, dov’è nato”.

“Far memoria dei nostri padri è importante per l’oggi che ci vede impegnati a far bene per la nostra comunità e per il futuro che dobbiamo preparare al meglio per le nuove generazioni. – ha aggiunto, commentando l’iniziativa, l’assessore alla Cultura della memoria Alessandro Martini - Un uomo del popolo come Spadaro che ha cantato per la sua comunità ha saputo ben interpretare questo compito e questa responsabilità civica e di questo non possiamo che esserne riconoscenti”.

Durante la commemorazione è stato osservato anche un minuto di silenzio per Luca Palandri dell’ufficio cerimoniale di Palazzo Vecchio, in occasione della prima uscita ufficiale del Gonfalone dopo la sua scomparsa.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento