Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bagno a Ripoli, le educatrici dei nidi comunali: il nostro saluto ai bambini che si trovano a casa / VIDEO

Il messaggio delle educatrici dei nidi comunali ai bambini che si trovano a casa: “Un modo per intrattenerli durante queste lunghe giornate, dirgli che li pensiamo e che presto ci riabbracceremo”

 

La canzoncina di Zorro e letture di fiabe e filastrocche ad alta voce. Sono i video-messaggi che le insegnanti e le educatrici dei nidi comunali di Bagno a Ripoli hanno inviato alle famiglie dei piccoli alunni: un modo, spiegano le maestre, “per intrattenerli durante le lunghe giornate a casa che si prospettano nelle prossime settimane, e per strappargli un sorriso con le filastrocche e i racconti che di solito condividiamo in classe”. Ma anche un'occasione, aggiungono, “per dire ai nostri 'pulcini' che li pensiamo e che presto ci riabbracceremo”. I video-messaggi sono stati condivisi con i genitori dei bambini dei nidi comunali attraverso le chat di Whatsapp e da oggi saranno a disposizione di tutti anche sui canali social e sul profilo Youtube del Comune di Bagno a Ripoli.

“Un ringraziamento di cuore alle nostre educatrici che anche a distanza continuano a prendersi cura dei loro piccoli 'studenti' - dicono il sindaco Francesco Casini e l'assessore alla scuola Francesco Pignotti -. Sappiamo che le prossime settimane saranno difficili per tutti e in particolare per i bambini che sono abituati a dare un sano e libero sfogo alla loro energia con tante attività, fuori casa e a scuola. Bisogna avere pazienza e rispettare le regole per tornare alla normalità prima possibile. I bambini ci stupiranno perché spesso comprendono meglio degli adulti. Adesso, anche grazie all'aiuto delle loro maestre”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento