rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Volley

Cev Cup, Savino Del Bene Scandicci ad un passo dal trionfo: Alba Blaj sconfitta 3-1 a domicilio nell'andata della finalissima

Le biancoblù rispettano il pronostico e si aggiudicano d'autorità il primo round. Mercoledì 12 al ritorno a Palazzo Wanny basterà aggiudicarsi due set per alzare il secondo trofeo della loro storia dopo la Challenge dello scorso anno

Mezzo capolavoro è compiuto. La Savino Del Bene Scandicci, dopo la Challenge della scorsa stagione, è vicinissima alla conquista del secondo trofeo della sua storia, quella Coppa Cev designata da subito come principale obbiettivo stagionale. E ai propositi sono seguiti i fatti: nella finalissima di andata le biancoblù sono andate ad imporsi d'autorirà sul taraflex dell'Alba Blaj, formazione rumena che se non timore del rispetto lo incuteva in quanto proveniva dalla Champions League (era nel girone della Vero Volley Milano). Tutto però è filato liscio con Pietrini e compagne che hanno vinto per 3-1 (12-25, 19-25, 25-21 e 18-25 i parziali) mettendo di fatto le mani sul trofeo. Mercoledì prossimo infatti a Palazzo Wanny, per completare la missione, basterà vincere due set, cosa assolutamente alla portata di questo gruppo che ha dimostrato una superiorità schiacciante, terzo set a parte.

Protagonista assoluta della serata la fuoriclasse cinese Zhu Ting, andata a segno con la monstre quota 30 punti di cui 3 al servizio e 2 a muro. Tra le fila delle campionesse di Romania non sono bastati i 18 punti con il 63% in attacco di Dimitrova per evitare una sconfitta che potrebbe chiudere i giochi in favore della formazione italiana.

LA PARTITA - Il sestetto iniziale consta di Yao Di al palleggio, Antropova come opposto, Belien e Washington come centrali, Zhu e Pietrini in banda, con Merlo come libero titolare.

L'avvio, a parte le primissime fasi in cui si passa dallo 0-2 con Antropova e Zhu, al 2-2, autrice Rusu, è a dir poco devastante: Washington è ispiratissima e segna il 3-9. Il time out non basta alle rumene che vanno ancora sotto (6-16) e non riescono a reagire. Belien mura per il 6-17 e Zhu realizza due volte in fila (6-19). Muro ancora decisivo, questa volta con Antropova, e primo set che non poteva terminare meglio (12-25). 

Decisamente più combattuta la seconda frazione, almeno per quel che riguarda la prima metà. Il primo sorpasso delle padrone di casa porta la firma di Milenkovic e successivamente Dimitrova prova a mettere un po' di paura (9-6). Situazione che inizia a diventare difficile quando si passa sull'11-17; Scandicci serra le fila e risale la china con la solita Zhu (12-11). Belien alza il muro e la parità viene ripristinata (15-15) e successivamente Antropova non si fa scappare l'occasione del nuovo vantaggio (15-16). Si continua a giocare punto a punto, fin quando c'è il passaggio chiave con le iniziative di Zhu e Antropova, che allungano sul 19-22. Della cinese i punti decisivi: 19-25 e strada in apparenza già tracciata.

L'Alba però non vuole deludere i 2000 presenti e vuole a tutti i costi riaprire la gara. Russu e Dimitrova suonano la carica (6-2), poi le rumene, non paghe, passano sul 12-4. Barbolini arresta il gioco e Pietrini prova a riaprirla (12-7). Le prospettive di rimonta diventano concrete grazie a Zhu (16-14), che però non basta, perchè il 19-14 sembra una mazzata. Mingardi ci prova ancora dai nove metri (20-17), ma le locali riescono a chiudere su un 25-21 piuttosto agevole. 

La Savino Del Bene non si intimorisce e con Pietrini riparte bene nella quarta frazione (3-7). L'azzurra gioca sulle mani del muro per il 3-10. Va in battuta Washington e la forbice si allarga ancora (4-14). Reazione dell'Alba Blaj (11-17), subito spenta da Zhu (13-20). Chiude Mingardi sul 18-25 e saracinesche abbassate sul match di andata e probabilmente non solo. 

I COMMENTI DEI PROTAGONISTI - A fine gara ha parlato il coach Massimo Barbolini che mantiene i piedi ben piantati a terra: "Abbiamo conquistato il primo capitolo di questa doppia sfida, adesso arriva quello decisivo, quello finale, quello più importante. Ci arriviamo ovviamente con un bel vantaggio e soprattutto con una maggiore conoscenza dell’avversario. Sapevamo che l’Alba Blaj è una squadra che sa giocare bene a pallavolo e stasera ci ha messo in difficoltà. Hanno vinto un bel terzo set e bisogna avere l’umiltà di ammettere che sono stati più bravi loro. Nel terzo set hanno giocato meglio e non hanno vinto soltanto per i nostri errori. Quindi è una squadra che ci potrà mettere in difficoltà al ritorno, però molto brave le ragazze, perchè in questo bel palazzetto, con un pubblico caldo e corretto, non si sono fatte influenzare e anzi hanno trovato i giusti stimoli. Bel quarto set dopo la sconfitta del terzo, ora sappiamo che il capitolo finale è mercoledì a Firenze, avremo un buon vantaggio, ma ovviamente si ripartirà dallo zero a zero". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cev Cup, Savino Del Bene Scandicci ad un passo dal trionfo: Alba Blaj sconfitta 3-1 a domicilio nell'andata della finalissima

FirenzeToday è in caricamento