Martedì, 15 Giugno 2021
Sport

Fiorentina, Prandelli: "Con Lazio ci vorrà bravura nelle transizioni. Mercato in funzione del 3-5-2"

L'allenatore dei viola è intervenuto in conferenza stampa la vigilia della trasferta romana contro la Lazio

Cesare Prandelli

Chi pensava che la Fiorentina si fosse sbloccata mentalmente dopo la vittoria di fine 2020 a Torino con la Juventus, evidentemente si sbagliava poiché alla prima uscita del nuovo anno, i viola sono incappati in un pari senza reti tutt'altro che esaltante con il Bologna.

È evidente che la squadra di Prandelli ha davanti a sé ancora molto lavoro da fare per raggiungere una precisa identità di gioco e soprattutto essere più incisiva nei pressi della porta avversaria. A questa squadra servono i gol, e che arrivino da chi è già in rosa, o dal mercato, servono al più presto, magari già dalla partita di domani pomeriggio con la Lazio all'Olimpico.

La sfida con i biancocelesti è stata introdotta nella consueta conferenza stampa pre-partita dal tecnico viola Cesare Prandelli: "Quando giochi contro le grandi squadre che portano tanti giocatori nella tua metà campo devi essere ordinato, bravo e quando conquisti palla devi avere grande determinazione per ribaltare subito la fase difensiva. In quel tipo di transizione dobbiamo essere consapevoli di poter far male alla Lazio. Loro giocano assieme da tanti anni, hanno certezze e fiducia. In più hanno 3-4 giocatori sopra la media, sono una squadra molto pericolosa. Non a caso sono in Champions League e stanno andando bene, complimenti a Inzaghi e alla Lazio".

Pochi gol fatti e pochi subiti: "Le partite vanno sempre e comunque lette. Col Bologna abbiamo avuto delle buone opportunità all'inizio. Non si può pensare di creare una montagna di palle gol, neanche le grandi squadre lo fanno. Ci sono certi momenti in cui c'è la possibilità di farlo e lì dobbiamo avere più convinzione a riempire l'area con più giocatori".

Il tecnico viola ha risposto anche a proposito dei calciatori non contenti del loro scarso utilizzo: "Esistono in tutte le squadre, forse noi ne abbiamo qualcuno in più perché abbiamo una rosa ampia ma è una situazione con cui tutte le squadre devono fare i conti. Se qualcuno vuole andare a giocare in un’altra lo può dire. Allo stesso modo, non vorrei prestiti o scambi, altri giocatori che non giocano con le loro squadre e arrivano con gli stessi problemi".

Da qualche partita la Fiorentina rischia meno in difesa ma fa fatica a rendersi pericolosa dal centrocampo in su: "Se abbiamo consapevolezza del nostro percorso in questo momento, tutte le prestazioni vanno viste in maniera diversa. Non è pensabile uscire dalla nostra situazione in due partite. Non dobbiamo fare voli di fantasia, le paure sono state scacciate ma siamo consapevoli di cosa dobbiamo fare. Serve dare continuità".

Sollecitato dai cronisti sulle questioni di mercato, Prandelli si è detto fiducioso ma concentrato sul campo: "Nutro il massimo rispetto per il lavoro della società, non dobbiamo pensare a quello che arriverà ma a quello che abbiamo. Alternative a Ribery? Giocatori con quelle caratteristiche in rosa non ci sono, se dovesse mancare lui faremo altre valutazioni. Callejón? Continua ad allenarsi con grande serietà e professionalità. È a disposizione se dovessimo averne bisogno ma non si può cambiare strada dall'oggi al domani. Voglio dare continuità, cambiare spesso può dare un messaggio di insicurezza e questa squadra ha bisogno di sicurezza. Mercato in funzione del 3-5-2? Assolutamente sì".

Riflettendo sul contributo di chi subentra dalla panchina che spesso è mancato il tecnico ha dichiarato: "I cambi possono essere un valore aggiunto, cambiare l'andamento della gara. Confido molto nei giocatori che inserirò a gara in corsa per dare un aiuto. I cambi spesso sono per migliorare, non per demerito. Nessuno deve speculare sui 90 minuti, bisogna dare il 100% per tutto il tempo che si resta in campo".

Sulle difficoltà della squadra ad imporre il proprio gioco: "In Italia ci sono 3 o 4 squadre che possono imporre il proprio gioco. Le altre si devono adattare. Una squadra come la nostra che ha potenzialità nel chiudere di spazi può imporre il gioco attraverso la continuità di pensiero. Per dare continuità ci vogliono poche idee chiare ma da interpretare al 100%".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiorentina, Prandelli: "Con Lazio ci vorrà bravura nelle transizioni. Mercato in funzione del 3-5-2"

FirenzeToday è in caricamento