Sport

Motomondiale al Mugello: le curiosità del circuito toscano

Forse non tutti sanno …

La pista- Sicurezza
• 5245 m la lunghezza (1141 metri il rettilineo). La pista è stata inaugurata nel 1974 ed il layout originale del tracciato non è mai stato modificato.
• 9,53% è Il tratto di massima pendenza in salita (Arrabbiata 2)
• 42,86 ml è il dislivello fra il punto più alto (Poggio Secco) e più basso (Arrabbiata 1)
• 504 il personale in pista, di cui 333 commissari di percorso, 122 membri del servizio sanitario, la cui base operativa è costituita dal Centro Medico interno, 49 le unità antincendio.
• 486 le bandiere di segnalazione, in nove colori diversi, utilizzate dai commissari di percorso.
• 300 radio ricetrasmittenti con otto canali dedicati per permettere al personale di servizio piena operatività e sincronia durante gli interventi
• 116.000 metri quadri la superficie complessiva delle vie di fuga pari ad oltre 16 Stati Olimpici a Roma.
• 900 metri di Defender, barriere in gommapiuma per attutire eventuali uscite di pista;
• 300 metri di Airfence, barriere di aria per proteggere i piloti dall'impatto con pareti solide;
• 192.000 i pneumatici posti davanti ai muri perimetrali della pista per assorbire eventuali urti. Messi uno accanto all’altro i pneumatici coprirebbero la distanza tra Firenze e Bologna
• 19 bandiere elettroniche di segnalazione localizzate nei punti più significativi del tracciato
• 50 telecamere ad elevata tecnologia che supportano il monitoraggio in pista della Race control room

• La pista – I record nel tempo
• 16 maggio 1976 GP delle Nazioni, primo GP corso al Mugello Pole position classe 500cc Giacomo Agostini (Suzuki) 2’08”08 (147,423 km/h) Vincitore Barry Sheene (Suzuki)
• 26 maggio 1985 GP delle Nazioni, classe 500cc Pole position classe 500cc Freddie Spencer (Honda) 2’01”49 (155.420 km/h) Freddie Spencer, oggi al Mugello in qualità di membro dello Stewards Panel, vinse nello stesso giorno in 250cc (partendo dalla 10° casella) e in 500cc scattando appunto dalla pole.
• 11 giugno 1995 GP d’Italia, classe 500cc Pole Position Mick Doohan (Honda) 1’53”524 (166.326 km/h) Vincitore Mick Doohan (Honda)
• 5 giugno 2005 GP d’Italia, classe MotoGP Pole position Valentino Rossi (Yamaha) 1’49”223 (172.876 km/h)

Curiosità: Valentino Rossi è il re del Mugello con 9 vittorie di cui 7 consecutive tra il 2002 e il 2008, per un totale di 14 podi
• 31 maggio 2015 GP d’Italia, classe MotoGP Pole position Andrea Iannone (Ducati) 1’46”489 (177,314 km/h) Vincitore Jorge Lorenzo su Yamaha
• 2 giugno 2019 GP d’Italia, Mugello classe MotoGP Pole position Marc Marquez (Honda) 1’45”519 (178.944 km/h) Danilo Petrucci conquista la sua prima vittoria in MotoGP con Ducati

La pista- Sostenibilità ambientale
• L’impianto fotovoltaico posto sulla sommità della Tribuna Centrale ha prodotto in 10 anni 1.726.421 kWh: con ciò sono state evitate emissioni in atmosfera per oltre 916.720 kg di Co2 così come è stato evitato l’utilizzo di 376.210 litri di petrolio necessario a produrre la stessa quantità di energia. L’impianto copre circa il 25% della necessità annuale di energia del circuito.

• L’Autodromo del Mugello è stato nel 2015 il primo autodromo al mondo ad aver ricevuto dalla Federazione Internazionale dell’Automobile la certificazione 3 stelle “Achievement of Excellence” per la grande attenzione al
rispetto delle tematiche ambientali.

• Il Mugello è l’Autodromo più certificato al mondo. Ad oggi ha raggiunto:
• ISO 20121 - Sistemi di gestione della sostenibilità degli eventi
Stabilisce i requisiti per l’organizzazione di eventi sostenibili, che abbiano un impatto minimo sull’ambiente e sulla comunità, e contribuiscano a rafforzare le relazioni con gli stakeholders, dalle Autorità locali ai fornitori e clienti,
dai lavoratori ai partecipanti e fruitori delle manifestazioni.
• ISO 14001: Sistemi di gestione ambientale
Attesta che l'organizzazione certificata ha un sistema di gestione adeguato a tenere sotto controllo gli impatti ambientali delle proprie attività, e ne ricerca sistematicamente il miglioramento in modo coerente, efficace e
soprattutto sostenibile. La ISO 14001 è quindi una certificazione di processo.
• ISO 9001 Sistemi di gestione per la qualità
Definisce i requisiti di un sistema di gestione per la qualità per un'organizzazione. È la norma di riferimento per pianificare, attuare, monitorare e migliorare sia i processi operativi che quelli di supporto, progettando e
implementando il sistema di gestione qualità come mezzo per raggiungere gli obiettivi.
• BS OHSAS 18001 – Salute e sicurezza dei lavoratori
Identifica uno standard per un sistema di gestione della sicurezza e della salute dei lavoratori. La certificazione OHSAS attesta l'applicazione di un sistema che permette di garantire un adeguato controllo riguardo alla sicurezza
e la salute dei lavoratori, oltre al rispetto delle norme cogenti.
• EMAS - Sistema comunitario di ecogestione e audit
È uno strumento volontario creato dalla Comunità europea al quale possono aderire le organizzazioni per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni sulla propria gestione ambientale. Scopo prioritario dell'EMAS è contribuire alla realizzazione di uno sviluppo economico sostenibile, ponendo in rilievo il ruolo e le responsabilità delle imprese.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Motomondiale al Mugello: le curiosità del circuito toscano

FirenzeToday è in caricamento