menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Danilo Petrucci sul pit lane dopo la vittoria con la bandiera dell'italia

Danilo Petrucci sul pit lane dopo la vittoria con la bandiera dell'italia

Moto Gp 2019: Petrucci è il nuovo re del Mugello, la Ducati trionfa / FOTO

Valentino Rossi è caduto e uscito di gara a pochi giri dall'inizio della corsa

Più di 130 mila persone (dati ufficiali) sono venute all'autodromo del Mugello per assistere alla quattro giorni del motomondiale 2019. Tantissimi sono arrivati con magliette, cappellini e addirittura con i capelli rasati con il numero 46 ma Valentino Rossi sta vivendo un campionato stregato. Partito dal 18esimo posto, dopo pochi giri è caduto e poi si è ritirato. 

Il Mugello quest'anno ha incoronato un nuovo re: Danilo Petrucci, ternano di 28 anni. E' la sua prima vittoria in Moto Gp e ha dedicato il primo posto al suo compagno di squadra, Andrea Dovizioso, che lo ha definito come 'un fratello' in conferenza. Entrambi nel team Ducati, entrambi stanno ottenendo ottime soddisfazioni in campionato.

Marc Marquez, in testa alla classifica, è arrivato secondo. In gara, l'ultimo giro è stato adrenalinico con un sorpasso di Petrucci su Marquez dove tra i due si trovava Dovisioso. 

Dopo la premiazione della MotoGp (il sindaco di Firenze Dario Nardella ha premiato Petrucci) è avvenuta la consueta invasione del circuito, in molti hanno urlato 'Vale, Vale, Vale': il popolo giallo non ha abbandonato Rossi. Poi si è riaffacciato davanti agli spettatori Danilo Petrucci che è stato lungamente applaudito dal pubblico e si è mostrato molto emozionato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'oroscopo di Paolo Fox di oggi 22 febbraio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Scuola

    Scuole Sicure, monitoraggio online sull’andamento dei contagi

  • Arte: i tesori di Firenze

    Pietà Bandini di Michelangelo: il restauro "live"

  • Cronaca

    Scossa di terremoto: la terra trema in Mugello

Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento