rotate-mobile
Sport

Chi è Gianmarco Sansone, il nuotatore sul podio del mondo: “Stavo per smettere, credete nei vostri sogni”

La storia di Gianmarco, talento del nuoto, tornato da poco dopo il successo ai Mondiali a Doha: "Adesso l'obiettivo sono le Olimpiadi di Parigi"

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“Non saprei neanche descrivere l'emozione del podio. Devo ancora realizzare”. E' con la voce ancora strozzata dalla gioia che Gianmarco Sansone racconta l'avverarsi di un sogno che aveva fin da bambino. Ventitré anni, fiorentino doc, Gianmarco ha portato in alto il nome del nuoto italiano vincendo una medaglia di bronzo ai Mondiali di nuoto a Doha nella staffetta×100 mista maschile. 

Ragazzo con i piedi ben saldi a terra, la sua passione per il nuoto nasce in maniera casuale, un po' come le grandi favole d'amore. “Andavo in quinta elementare, e ai centri estivi di quell'anno giocai tutti i pomeriggi a calcio. Chiesi a mio babbo di iscrivermi in una squadra. Nel tragitto per andare a fare l'iscrizione passammo davanti alla piscina dell'Isolotto. Mio babbo mi disse: “Giammi, ma perché invece di fare calcio non ti iscrivi a nuoto?”. Ci mise due minuti a convincermi”. Dopo i primi corsi base, Gianmarco venne presto notato per le sue doti atletiche e quindi passò in poco tempo all'agonismo. “Devo ringraziare Marco Morabito, il mio primo allenatore. E' lui che mi ha insegnato valori importanti come la determinazione e il sacrificio. Ma anche il mio attuale club, l'Esseci Nuoto e Sandra Michelini, mia coach dal 2015".

Dopo i primi successi giovanili, il percorso di Gianmarco subì qualche rallentamento. Il talento era indubbio, ma a 20 anni la vita ti presenta davanti il difficile crocevia delle scelte. “Purtroppo il nuoto, se non lo si pratica a livelli importanti, non ti permette di vivere di questo. Non volevo essere un peso per la mia famiglia, quindi mi sono dato un altro anno di tempo. Nel frattempo ho cominciato a studiare scienze motorie. Per l'appunto quell'anno andai abbastanza bene nei risultati, così mi dissi “Ok Giammi, ancora un ultimo anno”. 

E per fortuna che Gianmarco quell'anno supplementare se lo è dato, perché nel 2023 arriva il primo successo a livello nazionale, con la medaglia d'oro nei cento metri farfalla ai Campionati italiani invernali, che valgono la qualificazione ai Mondiali di Doha. “In quattro mesi mi è cambiata la vita, è stato tutto velocissimo. Solo qualche anno fa stavo per smettere. Ora invece ho bene in mente che quello che voglio fare è questo”.

Tra qualche giorno il nuotatore fiorentino si confronterà di nuovo con se stesso, partecipando ai campionati italiani assoluti. L'obiettivo è riconfermarsi per un sogno ancora più grande, quello delle Olimpiadi di Parigi. “Penso sia il desiderio di ogni atleta. Io continuo a sognare, e quello che posso dire a chi ha sogni è una frase che può sembrare banale ma non lo è: non è mai troppo tardi nella vita. Credeteci davvero, qualsiasi cosa vogliate fare”. 

Nuoto, il fiorentino Gianmarco Sansone sul podio dei mondiali di nuoto

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chi è Gianmarco Sansone, il nuotatore sul podio del mondo: “Stavo per smettere, credete nei vostri sogni”

FirenzeToday è in caricamento