rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Sport

Cittadella viola, Della Valle a Renzi: "Prendi in giro i tifosi"

Continuano le discussioni sulla "Cittadella viola" e dopo lo stop al progetto torna a parlare Diego Della Valle: "Sento parlare Renzi di un nuovo stadio da costruire. Non si possono prendere in giro i tifosi"

La querelle intorno alla “cittadella viola” continua a suon di botta e risposta tra il presidente onorario della viola e la giunta comunale. Messo a dura prova da due anni di discussioni e “rimbalzi di responsabilità”, Diego Della Valle comunicava qualche settimana fa: “la Cittadella è un capitolo chiuso”. Lo stop è arrivato dopo la scelta della Regione di dare la priorità, per l'area di Castello, inizialmente scelta dal presidente per la costruzione del nuovo stadio multi-funzionale, allo sviluppo dell'areoporto. Decisione a cui sono seguite le parole del primo cittadino Matteo Renzi: “A prescindere dal fatto che la cittadella venga fatta o meno vi posso assicurare che faremo comunque lo stadio nuovo perchè non è possibile giocare in uno stadio del genere”.
 
La dichiarazione rassicurante del sindaco non è servita a placare gli animi. Il proprietario della Fiorentina ha continuato lo scambio di battute e, in un'intervista a “Stadio”, ha puntato il dito contro Renzi:  ''Lo sento parlare di un nuovo stadio da costruire. Ma non mi pare che lui abbia una squadra di calcio. Non si possono prendere in giro i tifosi in questo modo. Il nuovo stadio, semmai, lo facciamo noi e dove vogliamo noi''.

Non tarda ad arrivare la secca replica del sindaco oggi ai microfoni dell'emittente fiorentina "Lady Radio": ''Diego Della Valle tira fuori queste storie quando la Fiorentina va male. Intanto pensino a finire i campini. Se la Fiorentina ha un terreno e vuole fare lo stadio, per il sindaco lo puo' fare domani. Altrimenti quando la Fiorentina avra' terminato i campini, il Comune ha gia' un progetto pronto''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cittadella viola, Della Valle a Renzi: "Prendi in giro i tifosi"

FirenzeToday è in caricamento