rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Calcio

Fiorentina, il dramma dell'ex Osvaldo: "Vivo chiuso in casa" / VIDEO

Il commovente sfogo dell'ex attaccante viola sui social: "Voglio tornare ad essere quello di prima"

Nonostante un suo passaggio alla Juve, Daniel Pablo Osvaldo a Firenze ha lasciato dei bei ricordi. Come dimenticare quelle due reti decisive segnate in maglia viola proprio contro i bianconeri e la rovesciata contro il Torino, due gol che valsero l'accesso alla Champions nel 2007/2008. Nonostante un'ottima carriera, l'ex attaccante oggi sta vivendo un brutto dramma. E' stato proprio l'ex viola a raccontare su Instagram il suo periodo di difficoltà. "Soffro di depressione, vivo chiuso in casa" ha detto l'italo argentino. 

Un video che commuove, con dichiarazioni fatte in lacrime. "Sto facendo un trattamento psichiatrico, ma è difficile uscirne, torno a cadere nelle dipendenze, e mi allontano dalla gente che amo, nel passato sono stato un calciatore top, ero una persona completamente differente, orgogliosa e sicura di sé. Questa è una persona che non riconosco".

"Racconto questo - continua l'ex calciatore - non per fare la vittima ma perché tutti comprendano il motivo delle mie decisioni sbagliate. Mi costa molto aprirmi, uscire dalla realtà costruita nella mia testa. È molto difficile distinguere quello che è reale e quello che non lo è. Da solo non ne esco ma voglio uscirne, voglio tornare a essere quello di prima. Ora non so come uscire da questa casa, non ho un lavoro stabile, ho speso tutti i miei soldi".

"Sono sempre stato un buon amico, un buon compagno, speravo di essere un buon padre. Chiedo perdono ai miei amici, alla mia famiglia, ai miei figli e a Daniela (l'ex compagna ndr). Devo fare in modo di non ricadere nelle dipendenze e spero che ora che tutti sanno ciò che sto passando mi aiutino. Chiedo di tornare quello di prima - conclude -, e niente di più". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiorentina, il dramma dell'ex Osvaldo: "Vivo chiuso in casa" / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento