rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Calcio

Maccabi Haifa-Fiorentina 3-4: partita pazza a Budapest, la decide Barák allo scadere

Apre Nzola al 2’, poi le reti di Seck e Kinda. Nella ripresa il pari di Beltrán, poi israeliani ancora avanti con Khalaili. Dopo il 3-3 di Mandragora il gol vittoria del ceco. Ritorno al Franchi giovedì 14 marzo

L’andata degli ottavi di finale di Conference League tra Maccabi Haifa e Fiorentina è finita 3-4 per i viola. Decisiva la rete di Antonin Barák al 5’ di recupero.

Il gol del ceco ha dato la vittoria agli uomini di Vincenzo Italiano in un match in cui è successo di tutto, che ha visto i viola portarsi in vantaggio dopo un paio di minuti dall’avvio dell’incontro con un colpo di testa di Nzola. Il pari dei padroni di casa (per modo di dire, visto che si giocava sul neutro della Bozsik Arena di Budapest) è arrivato al 12’ da palla inattiva con Seck, poi c’è stato il sorpasso firmato alla mezz’ora da Kinda.

Il pari dei viola è stato siglato nella ripresa da Beltrán, con una giocata da calcio a cinque, ma poco dopo la formazione toscana si è fatta cogliere di nuovo alla sprovvista, incassando il gol di Khalaili. La rete del 3-3 al 73’ è firmata da Mandragora, e nel finale, con gli israeliani rimasti in inferiorità numerica per il doppio giallo all’angolano Show, la Fiorentina ha trovato il gol vittoria con il ceco, che era entrato a 10’ dal 90’.

Con questo risultato arrivato dopo un match pirotecnico, giocato su un campo ai limiti della praticabilità, i gigliati arriveranno alla gara di ritorno del 14 marzo al Franchi con un piccolo vantaggio. Per passare, però, servirà tutt’altra solidità difensiva, perché gli svarioni visti stasera possono costare caro, specialmente ora che all’orizzonte c’è lo scontro diretto con la Roma in campionato.

Maccabi Haifa-Fiorentina: la cronaca

Trascorsi appena 120" dal fischio iniziale la Fiorentina sblocca subito il match: Mandragora allarga a destra, Ikoné serve Kayode, cross al centro per la testa di Nzola che di testa batte Keouf. Sembra un'ottima partenza per i viola, ma il vantaggio dura solo una decina di minuti perché il Maccabi pareggia sugli sviluppi di un calcio d'angolo: pallone prolungata, la sfera arriva a Seck che, appostato sul secondo palo, anticipa Milenkovic e batte Terracciano. Proteste dei viola, che reclamano per il fuorigioco sull'azione da cui è nato il corner per gli israeliani. Al 27' Maccabi di nuovo pericolosi con un destro di Pierrot deviato in angolo da Terracciano. È il preludio al gol del vantaggio della squadra di Dego che ribalta il risultato con Kinda dopo una buona trama offensiva. Errata lettura di Kayode che si fa prendere alle spalle dal trequartista dei verdi, bravo a infilare Terracciano con un destro a incrociare dall'interno dell'area. La reazione gigliata è affidata a un destro da fuori area di Duncan che si perde fuori dallo specchio. Non una gran prova fin qui per la squadra di Italiano, che ha sprecato il vantaggio trovato nelle battute iniziati del match, incappando in molti errori in fase di costruzione. Nel finale di tempo giallo per Italiano che era diffidato e non potrà essere in panchina per la gara di ritorno di giovedì 14 marzo.

La ripresa ha inizio senza nessuna sostituzione. Al 58' ecco il gol del pari dei viola: cross di Nico dalla sinistra, sponda di Nzola per l'argentino che controlla, entra in area e con la punta beffa Keouf per il 2-2. Al 62' ci prova Ikoné, Keouf non trattiene ma Nzola non riesce a intervenire. Primi cambi al 64': nel Maccabi dentro Feingold e Naor per Kandil e Mohamed. Al 67' nuovo vantaggio degli israeliani: Khalaili viene servito in profondità, evita Ranieri con un dribbling secco e poi col destro fulmina Terracciano incrociando sul palo opposto. Fortunatamente per la Fiorentina, il pareggio non tarda ad arrivare: al 73’ dopo una bella combinazione tra Biraghi e Nico, Mandragora ì, appostato all’interno dell’area, apre il piattone destro e fa 3-3. Italiano spende i primi cambi a un quarto d’ora dalla fine: Bonaventura prende il posto di Duncan, Belotti rileva Nzola. Tra gli israeliani fuori Kinda, dentro Lesovoy. All’80’ il Maccabi resta in dieci per il secondo giallo sventolato nei confronti di Show dopo un fallo su Bonaventura. Un minuto più tardi Italiano manda in campo Barák per Mandragora. All’87’ giallo pesante per Milenkovic che era diffidato e salterà il ritorno al Franchi. Subito dopo dentro Sottil per Ikoné tra i gigliati. Al 95' gol di Barák con un tiro deviato dall'interno dell'area e vittoria per la Fiorentina all'ultimo respiro.

Maccabi Haifa-Fiorentina 3-4: il tabellino

MACCABI HAIFA (3-4-2-1): Keouf; Šimi?, Seck, Gershon; Kandil (64' Naor), Mohamed (63' Feingold), Show, Cornud; Khalaili (85’ Podgoreanu), Kinda (74’ Lesovoy); Pierrot. A disp.: Nizan, Fucs, Goldberg, Ben Shimoi, Daham. All. Dego

FIORENTINA (4-2-3-1): Terracciano; Kayode, Milenkovic, Ranieri, Biraghi; Mandragora (81’ Barák), Duncan (74’ Bonaventura); Ikoné (87’ Sottil), Beltrán, González; Nzola (74’ Belotti). A disp.: Martinelli, Vannucchi, Dodô, Faraoni, Comuzzo, Parisi, López, Infantino. All. Italiano

Arbitro: Rumšas (LIT)
Assistenti: Radius (LIT) - Su?ied?lis (LIT)
IV: Valikonis (LIT)
VAR: Coote (GB)
AVAR: Attwel (GB)

Marcatori: 2' Nzola (F), 12' Seck (M), 29' Kinda (M), 67' Khalaili (M), 73' Mandragora (F), 90’+5 Barák (F)

Note - ammoniti 10' Mohamed (M), 45'+2 Italiano (F) non dal campo, 56’ Dego (M) non dal campo, 69’ Show (M), 83' Kayode (F), 87’ Milenkovic (F). Espulso Show (M) all’80’ per doppia ammonizione. Recupero: 3', 5’. Corner: 2-3

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maccabi Haifa-Fiorentina 3-4: partita pazza a Budapest, la decide Barák allo scadere

FirenzeToday è in caricamento