rotate-mobile
Calcio

Empoli Ladies, impresa storica! Le azzurre superano 2-1 la Juventus, imbattuta in Serie A da 54 partite

Grazie ad un primo tempo eccezionale, le azzurre di Ulderici compiono una vera e propria impresa, battendo la capolista e guadagnando tre punti che accendono la lotta per la salvezza

Nel calcio si sa, la palla è rotonda per tutti, ed è proprio questo che lo rende uno sport imprevedibile. Ecco che allora la Juventus, dopo ben 54 partite senza sconfitta, cade ad Empoli a sorpresa. Un risultato storico, ancor di più della semifinale di Coppa Italia conquistata contro la Fiorentina. Le azzurre di Ulderici, grazie ad una grande prestazione, soprattutto nel primo tempo, sono riuscite a guadagnarsi una vittoria e tre punti che sono fondamentali per il cammino verso la salvezza, e che potrebbero essere determinanti a fine stagione. 

Empoli Ladies-Juventus Women, la cronaca

Con Bragonzi ancora acciaccata, Ulderici punta davanti sulla coppia d'attacco formata da Nocchi e Dompig, mentre nelle bianconere la novità è il ritorno di Girelli come punto di riferimento in avanti, con Bonansea in panchina. Pronti, via e subito, dopo appena 9 minuti di gioco, a spezzare l'equilibrio dei primi attimi della gara è Monterubbiano, che sulla trequarti, quasi come in un'azione di rugby, sfonda la difesa della Juventus e davanti a Peyraud-Magnin, non sbaglia, insaccando da posizione ravvicinata. Avvio shock delle bianconere, grande personalità invece delle azzurre, che al 13' sfiorano addirittura il raddoppio, con Nocchi che approfitta di una dormita di Hyyrynen, andando al tiro cross da pochi passi, respinto in angolo dalla difesa bianconera. Sul conseguente angolo, clamorosa occasione sprecata da Dompig, che tutta sola davanti al portiere, calcia addosso a quest'ultima. I segnali sono quelli che fanno capire che la Juventus non c'è, l'Empoli ne approfitta, e al 15' le ragazze di Ulderici segnano il 2-0, con Dompig che dalla sinistra disegna un cross perfetto per Prugna, che di testa insacca in fondo alla rete. La partita è letteralmente un dominio da parte delle azzurre, che al 20' guidano il proprio assalto ancora con Dompig, che dal limite lascia partire un destro velenoso, che Peyraud-Magnin è costretta a respingere in corner. Inevitabilmente, dopo questa grande prima parte di gara, il ritmo dell'Empoli inevitabilmente cala, schiacciandosi più nella propria metà campo, anche se le azzurre non rischiano quasi niente, a parte al 40', quando Hurtig si mangia il gol del 2-1, calciando addosso a Cappelletti in uscita, con tutto lo specchio della porta libero, poi sulla respinta è provvidenziale l'intervento di Maia, che interviene su Girelli, pronta a spingere il pallone in rete a porta vuota. 

Nella ripresa Montemurro prova a dare una scossa alle bianconere, mandando in campo Pedersen e Bonansea per Hurtig e Rosucci, e al 48' la Juventus sfiora il gol, ma la giornata no è evidenziata dall'occasione sprecata da Caruso, che a porta sguarnita calcia clamorosamente a lato. Le bianconere spingono, e al 52' sfiorano nuovamente il gol, stavolta su palla inattiva, con una punizione di Girelli che, complice una deviazione, colpisce la traversa. L'Empoli, col doppio vantaggio, pensa più a difendersi che attaccare, e al 65' sono ancora le ragazze di Montemurro a rendersi pericolose, con Pedersen che calcia da posizione centrale, mandando la palla alta di poco. Passano tre minuti, e per la Juve ci si mette di mezzo ancora la sfortuna, con il colpo di testa di Sembrandt che sbatte ancora sulla traversa. Le occasioni iniziano a essere tante per la Juventus, e al 77' le ospiti raggiungono meritatamente il gol del 2-1, con Boattin che si infila in area dalla sinistra, e stavolta davanti a Cappelletti non sbaglia, insaccando in scivolata. Impatto enorme sulla partita della numero 13 bianconera, che all'80' si conquista un calcio di rigore per un fallo di Monterubbiano. Dal dischetto si presenta Girelli, che si fa ipnotizzare da un grandissimo intervento di Cappelletti, che in tuffo respinge a lato la conclusione della bomber della Nazionale. Nel recupero, precisamente al 93', brivido per l'Empoli, con Caruso che da pochi passi, sfiora la traversa su cross di Bonfantini. E' l'ultimo brivido per l'Empoli, che dopo 4 minuti di recupero, può festeggiare un'impresa che rimarrà nella storia.

Empoli Ladies-Juventus Women, il tabellino

EMPOLI (3-5-2): Capelletti; Mella, Maia, Knol; Oliviero, Cinotti, Bellucci, Prugna, Monterubbiano (87' Silvioni); Nocchi (76' Bragonzi), Domping (91' De Rita). A disposizione: Brscic, Morreale, Bragonzi, De Rita, Silvioni, Nichele, Tamborini, Ciccioli, Binazzi. Allenatore: Fabio Ulderici.

JUVENTUS (4-3-3): Peyraud-Magnin; Hyyrynen (67' Lenzini), Gama, Sembrant, Nilden (55' Boattin); Caruso, Rosucci, Grosso (67' Bonfantini); Hurtig, Girelli, Cernoia. A disposizione: Aprile, Lenzini, Panzeri, Lundorf, Boattin, Pedersen, Bonfantini, Bonansea. Allenatore: Joe Montemurro.

ARBITRO: Villa di Rimini.

RETI: 9' Monterubbiano, 15' Prugna, 77' Boattin.

NOTE: ammonite Knol, Monterubbiano, Cappelletti, Gama, Oliviero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Empoli Ladies, impresa storica! Le azzurre superano 2-1 la Juventus, imbattuta in Serie A da 54 partite

FirenzeToday è in caricamento