Calcio

Calcio Dilettanti, è emergenza arbitri per le categorie di Promozione ed Eccellenza

Con una riunione straordinaria fatta con tutte le società di Promozione ed Eccellenza, la LND Toscana ha esposto il problema della mancanza di arbitri, che potrebbe far slittare alcune gare del weekend addirittura al venerdì o al lunedì

Nel calcio si parla sempre poco della figura dell'arbitro. Un personaggio quasi sempre discriminato o peggio ancora offeso per aver preso una scelta piuttosto che un'altra. Spesso però ci dimentichiamo che la loro figura è essenziale per il gioco del calcio, e senza la quale non potremmo vivere tutte le magie che questo sport ci regala. Ecco che allora la Lega Nazionale Dilettanti Toscana ha esposto con una riunione urgente a tutte le società di Promozione e Eccellenza un problema non da poco: la mancanza di arbitri per coprire tutte le gare previste ogni domenica. Un problema, come ha affermato il presidente del comitato regionale Paolo Mangini, che non riguarda solo la Toscana, ma bensìì l'Italia intera. Tutto questo è dovuto non solo alla pandemia, ma anche ad un rallentamento del ricambio generazionale della classe arbitrale stessa. Sono circa 4000 infatti gli arbitri, a livello nazionale, che negli ultimi tre anni hanno abbandonato la categoria, di cui 500 nei soli primi mesi del 2021.

Una soluzione temporanea, per non fermarsi di nuovo

Il calcio dilettanti però non può permettersi di fermarsi nuovamente, dopo il lungo stop dovuto al Covid, ed è per questo che il presidente Mangini si è già attivato incontrando più volte il presidente del Comitato Regionale Arbitri Toscana Tiziano Reni, al fine di costruire un percorso condiviso che possa limitare al massimo i disagi per le società, rappresentati dal rinvio delle gare per mancanza di arbitri o lo svolgimento delle stesse senza assistenti. Quest'ultimo ha comunque assicurato, al netto di eventi eccezionali o imprevisti, la copertura di tutte le gare in programma almeno fino a domenica 31 ottobre. Dalla domenica successiva, invece, e fino a gennaio 2022, sarebbe necessario anticipare almeno 7 gare (una per ognuno dei gironi di Eccellenza e Promozione) al sabato, per poter usufruire delle relative “terne” anche nelle gare della domenica.

La proposta, ha specificato Mangini, consisterebbe in un massimo due anticipi, uno in casa ed uno in trasferta, al sabato ed ha trovato immediato riscontro favorevole da parte delle Società che si sono mostrate disponibili a collaborare per risolvere il problema. Il Presidente si è detto consapevole delle possibili difficoltà date dalla concomitanza al sabato con le gare del campionato Juniores, ma ha garantito la massima disponibilità del Comitato Regionale a verificare più opzioni, dall’anticipo al venerdì al posticipo alla domenica o al lunedì. La flessibilità e disponibilità sarà poi adottata anche per gli orari ed i possibili spostamenti delle altre categorie del settore giovanile e della scuola calcio. Il C.R. Toscana proporrà ha fatto sapere infine, che entro una decina di giorni alle società partecipanti verrà proposto un calendario di anticipi riguardanti le gare del Campionato di Eccellenza e Promozione tenendo presente, per quanto possibile, le istanze emerse in occasione delle due riunioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio Dilettanti, è emergenza arbitri per le categorie di Promozione ed Eccellenza

FirenzeToday è in caricamento