rotate-mobile
Calcio

Atalanta-Fiorentina, le decisioni del giudice sportivo tra lanci di bottigliette e sputi

Multe sia per la società viola che per quella nerazzurra

E' arrivato il bollettino del Giudice Sportivo in merito alle decisioni prese per le semifinale di Coppa Italia che si sono svolte questa settimana, tra cui Atalanta-Fiorentina. Oltre al rosso per Milenkovic, che dovrà scontare la squalifica il primo turno della prossima edizione della Coppa Italia, sono rientrati nel bollettino anche Daniele Niccolini e Christian Kouame. Il vice di Italiano dovrà pagare una multa di 10.000 euro e sarà squalificato fino al 7 maggio per perché "al 30° del secondo tempo, reagendo ai ripetuti insulti rivolti dai sostenitori della Atalanta sistemati alle spalle della panchina della Fiorentina, alzatosi dalla panchina e raggiunto il divisorio tra panchina e tribuna, sputava verso i tifosi della squadra avversaria". 

L'attaccante ivoriano dovrà invece pagare una multa di 5000 euro "per avere, al termine della gara, lanciato una bottiglietta di plastica in un settore dello stadio occupato dai sostenitori della squadra avversaria". Inoltre anche la Fiorentina ha ricevuto una multa di 4000 euro "per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato tre fumogeni ed un accendino sul terreno di giuoco". 

Neanche l'Atalanta è stata risparmiata. La società nerazzurra ha ricevuto due multe. Una di 5000 euro "per avere i suoi sostenitori posizionati nel settore adiacente alla panchina della Fiorentina, nel corso del secondo tempo, indirizzato ripetutamente espressioni offensive ai componenti della stessa", e una di 2000 euro "per avere suoi sostenitori, al 22° del secondo tempo, lanciato un accendino sul terreno di giuoco". 

Fiorentina, partita la vendita per la gara al Franchi col Brugge: info e prezzi

Fiorentina, Burdisso lascerà a fine stagione: i motivi

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atalanta-Fiorentina, le decisioni del giudice sportivo tra lanci di bottigliette e sputi

FirenzeToday è in caricamento