rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
publisher partner

La culla della lingua italiana accoglie la vera scuola di doppiaggio

Nella città di Dante viene organizzato il corso che fornisce le migliori tecniche del doppiaggio italiano

Quando si parla di lingua italiana è normale nominare Dante Alighieri, considerato universalmente il padre del nostro idioma. Di conseguenza non si può non citare anche alla città che ha dato i natali al Sommo Poeta, ovvero Firenze. La vita di Dante si fondono con quella della città, in quanto lui vive in un periodo florido sia dal punto di vista economico che culturale e sarà questa commistione di condizioni favorevoli a renderlo uno dei più grandi esponenti del Dolce Stil Novo e di quella cultura medievale che, attraverso la stesura dell’opera divenuta celebre come Divina Commedia, porta infine a dar vita alla lingua italiana.

Dare voce alla lingua del Bel Paese nei luoghi in cui è nata

Il doppiaggio italiano è un’arte ormai considerata patrimonio nazionale, di conseguenza appare più che legittimo far approdare un importante corso di formazione su questa professione nella città che ha dato origine alla lingua nostrana.

Si parla d’altronde di qualcosa davvero apprezzata dagli Italiani che apprezzano un contenuto cinematografico o televisivo non solo per la storia, i contenuti mostrati e il linguaggio filmico, ma anche per le voci dei protagonisti che sono in grado rendere vive le emozioni che si percepiscono, di trasformare lo spettatore in un protagonista integrato nella trama grazie alle loro abilità recitative. Un’impronta vocale diventa così fondamentale che soprattutto noi italiani potremmo riconoscere un attore anche solo attraverso poche parole pronunciate.

Non solo un’arte, ma una vera e propria professione

Tuttavia, in Italia quella che ascoltiamo non è solitamente la voce originale di un attore, ma quella di un doppiatore italiano professionista. Il lavoro di doppiaggio richiede davvero un impegno ed un’attenzione ai dettagli incredibile: l’obiettivo principale è infatti quello di conferire ad un determinato personaggio il giusto timbro di voce che riesca a trasmettere le corrette emozioni, espressioni e sensazioni allo spettatore. Per queste ragioni non ci si può improvvisare doppiatore; avere una bella voce aiuta sicuramente, ma bisogna seguire un percorso formativo serio e ben strutturato. La Universal Film Academy offre un corso di doppiaggio di alta qualità che punta a formare le nuove generazioni di doppiatori italiani. L’accademia è stata fondata da Alessandro Cardia che, dopo essersi formato a Cinecittà, imparando dai migliori professionisti del settore, si è posto l’importante obiettivo di fornire un personale contributo al mondo dello spettacolo italiano, formando le prossime generazioni di doppiatori.

Un percorso di formazione ben studiato e curato

La scuola basa il suo approccio all’insegnamento su corsi a numero chiuso, in presenza e con un massimo di 20 partecipanti in modo tale che gli allievi possano essere accuratamente seguiti da illustri docenti e professionisti del settore.

Le classi accolgono gli aspiranti doppiatori che hanno l’occasione di iniziare un percorso di formazione articolato in 28 fine settimana, suddivisi in due anni. Gli studenti apprenderanno tutte le tecniche necessarie per migliorarsi progressivamente attraverso un iter studiato nei minimi dettagli. Durante le lezioni verranno trattati argomenti legati alla dizione, la lettura espressiva, la tecnica a leggio, i fondamenti di recitazione e la tecnica vocale.
Il corso si distingue anche per i frequenti test di valutazione: alla fine del primo anno si rilascia un attestato necessario per l’accesso all’anno successivo, mentre nel secondo anno l’esame finale è necessario per ricevere il diploma vero e proprio.
A differenza di altre di altre scuole, la Universal Film Academy non applica alcun limite di età perché crede che chiunque possa raggiungere ottimi livelli con il giusto impegno e convincimento.

I corsi hanno registrato un successo così notevole da portare la Universal Film Academy ad aprire nuove sedi. In Lombardia oltre a Milano è stata infatti inaugurata la nuova sede di Brescia a testimonianza di quanto l’accademia sia riuscita a ritagliarsi negli anni un ruolo davvero rilevante nella formazione dei nuovi protagonisti del mondo del cinema e, soprattutto, di come i suoi corsi siano ormai considerati uno strumento davvero efficiente per entrare in questo settore.

Per tutti gli aspiranti doppiatori le candidature ai corsi sono ancora aperte e chi desidera diventare una delle voci italiane più note del prossimo futuro, può ricevere ulteriori informazioni, visitando il sito dell’accademia per ricevere ulteriori informazioni o contattare la scuola tramite e-mail all'indirizzo segreteria@universalfilmacademy.com o il numero telefonico 051-5942572.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento