rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
publisher partner

Sconfiggere la paura del dentista è possibile

Le nuove tecniche di sedazione cosciente e implantologia dentale sono la soluzione per questo grande problema

Chi ha paura di andare dal dentista alzi la mano! I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità a riguardo confermano che il 15-20% della popolazione alzerà il braccio, dichiarandosi, volente o nolente, odontofobico.

Le cause di quella che oggi è ufficialmente considerata una vera e propria malattia sono diverse:

    • Paura del dolore (40%)
    • Paura delle siringhe (20%)
    • Paura di perdere il controllo (15%)
    • Conati di vomito (15%)
    • Altre cause (es. Paura del “trapano da dentista”,… - 10%)

Odontofobia: un circolo vizioso da cui è difficile uscire

Ma se le cause possono effettivamente preoccupare, sono in realtà gli effetti collaterali a dover allarmare gli odontofobici in circolazione. 

L’odontofobia, infatti, facendo percepire il dentista non come soluzione alle patologie dentali, ma come vero e proprio incubo, porta chi ne soffre a trascurare tali problemi con un conseguente peggioramento dello stato di salute.

1-6-16

Posticipando continuamente le cure e affidandosi a terapie con medicinali, antibiotici o antidolorifici, il problema viene solo rimandato, finendo per far entrare la persona in un circolo vizioso, difficile da spezzare: la salute della bocca peggiorerà, perché sopraggiungeranno gengiviti, piorrea, alito cattivo, carie, fino, nel peggiore dei casi, alla possibile perdita totale dei denti. 

In ogni caso, il dolore non farà che crescere e, con esso, la paura del dentista. A livello emotivo, poi, spesso, l’odontofobico non viene preso sul serio da amici e familiari, causandone, in alcuni casi, un vero e proprio isolamento sociale.

Una soluzione efficace e indolore esiste

La domanda, allora, sorge spontanea: ma possibile che nel 2022 ancora non si sia trovata una soluzione efficace all’odontofobia

Ebbene, in effetti la soluzione esiste, ma la si può trovare solo a monte del problema: non tanto nel paziente, quanto nel medico curante e nella sua esperienza. Oggi, infatti, esistono centri odontoiatrici specializzati  in grado di curare i pazienti affetti da odontofobia con tecniche sempre più moderne e, addirittura, indolori.

La parola al Dott. Ricci, esperto in Implantologia Dentale a Carico Immediato

Uno dei centri più avanzati, a tal riguardo, è il Centro AUREA di Firenze, completamente dedicato all’Implantologia Dentale Avanzata. A guidarlo è il Dott. Alessandro Ricci, un professionista laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria presso l’Università degli Studi di Pisa, specialista in Ortognatodonzia e perfezionato in Chirurgia e Patologia Orale Avanzata presso l’Università Milano-Bicocca. 

Una formazione chirurgica d’eccellenza, la sua, completata in Europa, negli Stati Uniti e in Sud America e che lo vede anche socio dell’Associazione Italiana degli Odontoiatri Sedazionisti e iscritto all’Ordine dei Medici del Regno Unito, dove collabora con alcune cliniche londinesi. 

Un curriculum di altissimo livello che ha reso il Dott. Ricci un vero esperto di Implantologia Dentale a Carico Immediato, una tecnica di cui ci ha parlato in una breve intervista, che riportiamo.

LEGGI ANCHE “Addio alla dentiera in 24 h” 

Q uanto è importante il controllo della paura e dell’ansia nell’Implantologia dentale?

"L’Implantologia dentale permette al paziente di tornare ad avere denti fissi grazie agli impianti dentali. Si tratta di una procedura sicura, non invasiva e predicibile, grazie anche agli enormi sviluppi tecnologici degli ultimi anni: sviluppi che ci permettono oggi di donare nuovamente i denti fissi alla maggior parte dei nostri pazienti in un solo intervento e in un singolo giorno in presenza di condizioni cliniche idonee.

Trattandosi comunque di un intervento, è necessario che sia condotto da implantologi esperti, all’interno di centri specializzati e che venga associato a tecniche di controllo della paura e dell’ansia: tutto questo per renderlo completamente sicuro e privo di sensazioni traumatiche per il paziente, specie per chi soffre di o dontofobia."

teamAurea

E per quanto riguarda il dolore?

"Il dolore non è più associabile, come in passato, alle procedure di Implantologia dentale. Basti pensare alla moderna Implantologia computer-guidata, con cui è possibile programmare e inserire gli impianti mediante guide, progettate a computer, che evitano spesso tagli, incisioni e punti di sutura.

Unendo, poi, la sedazione cosciente a una corretta anestesia loco-regionale si è in grado di eliminare totalmente il dolore durante l’intervento e controllarlo poi perfettamente nel post-operatorio, anche nei giorni a seguire."

Quindi non ha senso aver paura del dentista?

"Da un punto di vista clinico assolutamente no, ma molto spesso l’ o dontofobia nasce da traumi vissuti dai pazienti a seguito di brutte esperienze con altri dentisti nel loro passato.

Ecco perché ritengo assolutamente importante la collaborazione tra la figura dell’Anestesista e quella di un Odontoiatra esperto in tecniche sedative, al fine di permettere ai pazienti fobici un accesso alle cure dentali in piena serenità."

Che tipo di consiglio si sente di dare a chi soffre della paura del dentista?

"Di non perdere tempo, trascurando la propria bocca a causa della paura o della conseguente vergogna. Il tempo, in questi casi, è un fattore fondamentale per evitare problemi assai peggiori come la perdita parziale o totale dei denti, quando, invece, potrebbero essere risolti con cure di minore entità e con costi molto più bassi."

DottRicci

Parole che, da un lato, confortano e, dall’altro, ci impongono di prenderci sempre cura dei nostri denti e della nostra salute, affidandoci a professionisti qualificati, quali sono gli stessi collaboratori del Dott. Ricci. Questi supportano il paziente nella lotta al dolore, all’ansia e allo stress per le cure dentali, mettendo sempre al centro della cura le sue specifiche necessità.

Sedazione cosciente VS Anestesia generale: parla la Dott.ssa Metrangolo

Tra i collaboratori più stretti del Dott. Ricci, anche la dott.ssa Metrangolo, anestesista esperta in sedazione cosciente. Proprio quest’ultima tecnica rappresenta l’altra faccia della medaglia dell’implantologia dentale, e il motivo ce lo ha spiegato proprio la dottoressa durante una breve chiacchierata.

Dr-ssaMetrangolo

Cosa si intende per “sedazione cosciente”?

"La sedazione cosciente è una tecnica anestesiologica in grado di eliminare ansia, stress e dolore durante tutto l’intervento odontoiatrico o implantare.

Attraverso la somministrazione di farmaci sicuri, il paziente, pur rimanendo cosciente, viene indotto in uno stato di completo rilassamento, tanto da renderlo collaborativo eliminando la sua paura, senza la necessità di “addormentarlo ” completamente nell’anestesia generale.

Ne esistono di più tipi, quali la sedazione inalatoria, che sfrutta per es. un gas chiamato protossido d’azoto, la sedazione orale e quella endovenosa: tra tutte quella endovenosa è certamente la più efficace."

monitorMultiparamentrico

E’ vantaggiosa, rispetto all’anestesia generale, nel caso delle cure dentali per chi soffre di odontofobia?

"Assolutamente sì. Con la sedazione cosciente il paziente, pur completamente rilassato e senza percepire alcun dolore o paura, è in grado di collaborare attivamente, cosa che invece non è possibile con l’anestesia generale.

Nell’anestesia generale, infatti, il paziente viene completamente addormentato, con rischi relativi alla necessità di risveglio e di controllo dello stato di respirazione e di battito cardiaco durante l’intervento: nel caso delle cure dentali e degli interventi di implantologia dentale l’anestesia generale non è quasi mai necessaria."

I vantaggi della sedazione cosciente sono limitati solo ai pazienti che soffrono della paura del dentista?

"La sedazione cosciente è molto vantaggiosa non solo per i pazienti affetti da odontofobia, ma anche per chi deve affrontare cure o interventi dentali e implantari anche a minore complessità, ma presenta uno stato di salute non perfetto o assume svariati medicinali.

Per esempio, la sedazione cosciente permette la riduzione della pressione sanguigna, elemento assai importante quando si ha davanti un paziente che soffre di pressione alta. Tutto questo permette una maggiore sicurezza per il paziente nell’affrontare le cure dentali di cui necessita."

Ipnosi

Ecco, dunque, come le nuove tecniche per la cura delle patologie orali e le mani esperte di professionisti qualificati siano in grado di assicurare, anche al più preoccupato degli odontofobici, un trattamento privo di ansie e di forti dolori, con un recupero praticamente immediato delle normali funzionalità dentali.

Un consiglio prezioso: affidarsi a un team di professionisti

sorriso

Ma, allora, ha veramente ancora senso, nel 2022, avere paura del dentista? Chi pensa di no alzi la mano e non tema di seguire l’ultimo prezioso consiglio del Dott. Ricci:

“Il primo passo da fare è prenotare una prima visita. Sappiamo benissimo quanto un gesto anche così semplice possa rappresentare un sacrificio importante per chi soffre di odontofobia, ma tutto il nostro team è orientato all’ascolto delle esigenze di ciascun paziente e si adopera quotidianamente in tale direzione.

Ogni paziente, anche il più timoroso, scoprirà che fatto il primo passo tutto il resto sarà, di conseguenza, in discesa: la prima visita sarà un primo colloquio conoscitivo, carico di comprensione e ascolto, che permetterà a ciascuno di iniziare a scoprire quanto non vi sia più motivo di temere il dentista.”

AUREA - Implantologia Dentale Avanzata
Viale Belfiore 9/a-b-c, 50144 - Firenze
info@centrodentaleaurea.it
Sito web: www.centrodentaleaurea.it
Direttore sanitario: Dr. Alessandro Ricci
Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Firenze posizione n°1566
Autorizzazione sanitaria DD/2021/03998

Informazione sanitaria ai sensi della legge 248/2006 e 145/2018

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento