Il Barroccino, l'ora del gelato a chilometro zero

Ecco un'altra delle gelaterie finaliste del contest #afirenzecigarba: il Barroccino in via Torre degli Agli, il sogno di due sorelle divenuto realtà

Non una semplice gelateria, ma uno spazio dove ritrovarsi e stare insieme, gustando anche un ottimo gelato. Parliamo del Barroccino in via Torre degli Agli, una delle geaterie finaliste della seconda edizione del contest #afirenzecigarba.

Grazie alla collaborazione con il Gelato Festival, il vincitore del constest avrà la possibilità di mostrare in un cooking show a lui dedicato, sabato 16 settembre alle 20:00 a Piazzale Michelangelo, uno dei suoi gusti.

VOTA IL VINCITORE

Due sorelle napoletane, da sempre appassionate del gelato e della Toscana, con un sogno nel cassetto: aprire una gelateria. Non un semplice negozio, bensì un luogo dove il tempo trascorre in modo diverso, più dilatato, uno spazio dove “ritrovarsi” e gustare il miglior gelato possibile.

Nasce così il Barroccino, nuovissima gelateria inaugurata in via Torre degli Agli da Carmen e Lucia Scagnoli, insieme ai rispettivi mariti. Partenopee di nascita, per il loro negozio hanno scelto un nome tutto toscano, rievocato dalla forma particolare del bancone che ricorda gli antichi carretti trainati a mano. 

Al Barroccino si serve un gelato rigorosamente artigianale, fatto come una volta, utilizzando solo ingredienti freschi, genuini e a chilometro zero. "La nostra ricerca ci ha portato a produrre anche gusti anche vegani e ipocalorici" -spiega Lucia- "tra cui quelli alla frutta, che ci viene fornita da Il Ceppo, e anche il cioccolato vegano, oltre alle granite. Gli ingredienti naturali rendono l’esperienza del gelato possibile anche ai diabetici o semplicemente a coloro che vogliono prendersi cura del proprio corpo."

Gusti ricercati e particolarissimi, come la liquirizia, latte e menta e il bagigiò, fatto con arachidi e nocciola, tutti prodotti nel laboratorio di fianco. Una geateria anche a misura di bambino, grazie a una zona pensata per i più piccoli, con tanto di altalene in legno e corda. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
FirenzeToday è in caricamento